Skip to content

NU’ Trattoria Italiana dal 1960: un vero atto d’amore di Salvatore Tassa per la Cucina Tradizionale Italiana.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tutti conoscono il mitico Cuciniere Salvatore Tassa. Il Genio di Acuto, durante le sue giornate d’estro, è capace di emozionare fino alla commozione tramite le sue pietanze.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I più conoscono e hanno fatto esperienza con il suo piatto più popolare denominato La Cipolla Fondente; un classico esempio di come si possa fare grande cucina con materia prima povera.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il mio consiglio è di provare l’ancora più umile e bistrattata carota. Quando i vostri occhi s’illumineranno, pensatemi.

Qualche anno fa, Salvatore ebbe la buona idea di affiancare, con un locale più easy, il suo ristorante stellato. L’allora formula del NU’ Bazzar voleva essere una proposta innovativa e cosmopolita che intendeva portare la cucina del mondo a conoscenza dei giovani di Acuto e non solo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Da pochi giorni, sempre due piani sotto le Colline Ciociare, ha iniziato a lavorare NU’ Trattoria Italiana dal 1960 che vuole essere un vero atto d’amore verso la Cucina Italiana. Sì, proprio quella che praticavano, in questo oramai storico luogo, i suoi genitori: Esterina e Bino.

Certamente i tempi sono cambiati e con essi anche le ricette della neonata Trattoria. Immagino, occupando il posto a tavola, che le stesse saranno state alleggerite, proprio per poter andare meglio incontro alle mutate esigenze di alimentazione dei moderni avventori che, nella maggioranza dei casi, non fanno più lavori di “fatica”.

received_10213616855206678

Mi accoglie con un caloroso sorriso la Cuoca Grazia Zangrilli, in arte Tina, moglie di Salvatore. Il discorso vira subito sulla storia dei locali (ristorante e trattoria) e più in generale delle vicissitudini di Vita. Il risultato è che mi sento subito avvolto in un’atmosfera familiare e di relax e mi immagino un poco come quei muratori, che da bambino, vedevo fermarsi nelle osterie prima di far rientro dalle rispettive famiglie. In quei luoghi della memoria, essi riuscivano a rigenerarsi dalle fatiche del lavoro, grazie a quattro chiacchiere amichevoli, aiutati anche dal quartino di vino, corretto dalla gassosa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Parto a “razzo” tramite le caldissime Crepinette, un fritto nel quale la pasta fillo contiene il baccalà e i porri. Un antipasto “rubato” al Ristorante Le Colline Ciociare che lo proponeva negli anni 90, tanto per intenderci, insieme alla Cipolla Fondente. Ottimo anche se andava asciugato meglio l’olio di frittura.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Tradizione richiama un vino di Territorio che sappia sgrassare bene la bocca. Chi meglio dello Charmat di Cesanese di Casale delle Ioria potrebbe farlo? In effetti, questo vino spumante, mi avvolge con la sua eleganza e inaspettata finezza e quindi decido di usarlo sul resto del pasto. Un doveroso ringraziamento va a Iolanda Margarita Maggio, cara Amica e Donna di squisita gentilezza e che è qui oggi, in via del tutto eccezionale, per assistere Tina, con la sua classe e il suo inarrivabile sorriso.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Tradizione è rispettata anche nel restante antipasto. Tra i salumi, oltre l’nduja, ci sono il prosciutto, la sella di maiale e la Susianella di Viterbo, mentre nei formaggi noto il pecorino e l’erborinato di Picinisco, il fiocco della Tuscia e i caprini dell’azienda Monte Jugo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Appena il tempo di prendere fiato, degustando il piacevole Rosé di Perinelli ed ecco Tina che arriva trionfante al tavolo con un piatto di fettuccine e funghi porcini che già affascina alla vista. Lo spessore della pasta, lasciato giustamente generoso, la cottura precisissima della stessa e la freschezza del fungo creano una corale e piacevole resistenza al morso. In bocca, il trionfo di sapore di bosco è rinfrescato e reso giustamente amaro da un’opportuna spolverata di prezzemolo. Evviva la Tradizione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ormai sono nelle mani della Cuoca. Eccola, nuovamente arrivare al tavolo per assestarmi il colpo del knock-out. I fini fini, vero vanto della Cucina Ciociara, sono qui serviti conditi dal sugo ai tre pomodori che esalta la pasta tagliata al coltello, più sottilmente dei tagliolini. Lo ammetto, questo è un piatto che non smetterei mai di mangiare. La Bravissima Tina mi ha colpito e fatto affondare in un mare di piacere.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Torno sulla Terra con la portata di Carne: spuntature e salsicce di maiale, appoggiate su un letto di patate al forno. Tanto per non farmi mancare nulla, Tina insiste per aggiungere anche dei funghi porcini.

Il piatto richiede un vino con più spessore. Lo accompagno con Tenuta della Ioria, sempre un Cesanase di Perinelli, che abbina perfettamente sia la carne sia il fungo con la sua eleganza e l’intensità dei frutti rossi. Queste successive note del vino mi fanno immergere in un bosco virtuale, dove già il fungo Porcino mi aveva trasportato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Volendo è possibile abbinare un vino alla mescita, proprio quel quartino dei bei tempi andati, limitando così la spesa enologica.

Il locale è stato reso ancora più luminoso. La bella terrazza esterna, nel periodo estivo, offre riparo dalla calura, aggiungendo la suggestione di cenare in un vicolo di paese.

Al di là della diversificazione tra le due proposte, credo che la possibilità che ora ha Salvatore Tassa di proporre sia la Cucina Gourmet che quella Tradizionale sia giusta e vincente. Mi permetto di suggerire nel caso della Trattoria, di apportare, nel tempo, quei correttivi, che personalmente ritengo opportuni, verso l’uso di minor sale, grasso e zucchero, in verità oggi già minimi, che con poca sottrazione potrebbero portare la proposta verso la soluzione de La Trattoria Moderna. Una soluzione, quest’ultima, alla quale credo dovrà essere dato sempre più spazio in futuro, proprio per rendere ancora più vincente la Cucina di Tradizione Italiana. Non sarà facile perché la consuetudine e i palati sono stati educati a dare e ricevere “sapore”, fatte salve le talentuose eccezioni, con l’uso del trio grasso, sale e zucchero e questo potrebbe essere un deterrente non di poco conto. Sono altresì certo che Salvatore e Tina saranno vincenti e tra i Leader anche in quest’ulteriore e specifica opportunità della Cucina Italiana.

NU’ Trattoria Italiana dal 1960 Via Prenestina 27 Acuto FR Tel. +39 077556372

Credits: La foto di Tina è di Iolanda Margarita Maggio

I notevoli nuovi piatti di Simone Nardoni, ristorante Essenza.

Torno spesso da Essenza in quel di Pontinia. Il ristorante ormai gestito da circa sette anni dal quasi trentenne Simone Nardoni, coadiuvato da Ilary Mandatori, Luca Cacciotti e Mara Severin, ha ottenuto da qualche tempo una notevole celebrità e successo ma non ancora i riconoscimenti di alto livello che merita. Fare cucina in questo luogo di confine non è cosa da tutti. Ci vuole coraggio e soprattutto grande maestria. I sicuri asset di Simone sono il Territorio, mai avaro di ottimo pescato e prodotti dell’orto, l’aver appreso giovanissimo l’arte della cucina, immagino da una Mamma di gran palato, e la mano gentile, rispettosa e altresì enfatizzante della materia prima che lavora.

Ormai non conto più le visite che ho fatto qui, felice nonostante la distanza da Roma. Questa volta, addirittura, lo Chef mi propone di degustare in anteprima i suoi piatti estivi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un “lavoro” che mi accingo a svolgere, non prima di aver degustato una serie di pregiati Oli che Ilary mi offre dalla sua, ormai famosa, cassetta di legno che, vista la folta presenza di così tante bottiglie, dovrebbe diventare un carrello.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non conosco le pietanze che arriveranno in tavola. Immagino che il mare e le verdure la faranno da padrone quindi, dopo uno sguardo alla carta dei vini, scelgo l’Altura 2015 di Carfagna. Questo è un grande vino, Ansonaco in purezza, che affascina per la sua sapidità che richiama lo scoglio e la vita su di esso. All’assaggio sono subito proiettato sull’isola del Giglio. I profumi e i sapori del vino mi fanno immaginare di essere seduto ai bordi di una scogliera, davanti a un mare che dona sapidità, la macchia mediterranea che mi circonda con i suoi aromi e resine e, più avanti, un orto dotato di bella frutta gialla matura con arance e limoni a chiudere il quadro immaginario.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Intanto è arrivato il primo antipasto. Il dolcissimo Gambero Gobetto, vera caramella di mare, è accompagnato da pesca, pasta di nocciola, estrazione delle teste dei gamberi, verbena e prezzemolo croccante. L’estrazione è da manuale della cucina per la giusta sapidità ma soprattutto per la notevole pulizia e freschezza. La dolcezza del piatto è bilanciata dall’uso della verbena e dal prezzemolo che lo pongono in equilibrio, apportando la giusta dose di amaro. Da sistemare l’essiccazione di quest’ultimo, al fine di ottenere una maggiore masticabilità dello stesso. Rimango comunque ammutolito da tanta maestria alla prima uscita di un nuovo piatto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Capasanta, fagiolini e fagiolino, latte di pinoli e baccalà aumentano il mio positivo stupore. Non credo di aver mai mangiato una Capasanta così buona e dalla perfetta consistenza, mentre è giusta l’interazione tra il morbido e per nulla salato baccalà con i fagiolini dell’orto Pontino e i pinoli. Anche qui sarà da correggere la cottura del fagiolino (alga) di mare per lasciarla più morbida e masticabile.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con la Ricciola, il riccio e la cicoria, Simone mi offre l’ennesima conferma della sua maestria nel dosare gli elementi di un piatto. Qui ha messo insieme tre parti non facili da “assemblare” e il risultato è un piatto di grande finezza ed equilibrio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lavorare il pesce Sciabola non è facile. Per non sbagliare si frigge per poi spolveralo di sale. Qui lo Chef osa proponendolo a forma di cannolo, accompagnandolo con lardo, mandorla e funghi. Il risultato è un piatto di spessore, di là dal pesce così umile e dal sapore assai neutro.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo sgombro e foie gras in carpione è l’ennesimo gioco di equilibrio tra mare e terra. La freschezza e la sapidità della carne del pesce trova la complessità del foie gras e successiva leggerezza dalla marinatura in aceto del contorno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo ammetto, degustando questa tagliatella del Pastificio Gentile, aglio, olio e gelato di aringa affumicato, il pensiero va alla Famiglia Zampino e a Dario Rossi della Gelateria Greed. Avrei voluto che fossero qui con me per consumare insieme questo primo piatto. Nonostante lo Chef sia figlio di Veneti, la pasta è cotta alla perfezione e il gelato, creato con estrema maestria, dona al piatto quel mare che lo esalta. Di mio ci metto un sorso di Ansonaco e … mi è dolce cullarmi in queste onde di sapore.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi rimane un piccolo spazio e Simone arriva personalmente con uno dei suoi migliori piatti: il manzo bruciato. Non è un piatto nuovo ma ogni volta è veramente un piacere degustarlo. Cottura della carne perfetta che trova l’esaltazione con il fumo della macchia Mediterranea che lo accompagna. Qui il bianco di Carfagna si veste da rosso e fa “scopa” con il suo spessore con la carne e con i suoi toni riesce altresì a esaltare la macchia Mediterranea. Emozione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come ormai si conviene nei migliori ristoranti, i dessert sono dolci ma non troppo. L’ananas marinato, vaniglia, limone, passion fruit e la torta scomposta alla frutta chiudono opportunamente una grande cena.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Credo che Simone Nardoni, qui in una foto di repertorio con Roy Caceres e Niko Romito, nel prossimo futuro non smetterà di sorprenderci con nuove prelibatezze. Quello che affascina è la sua abilità nel perfezionare il piatto già dalla prima uscita, la sua modestia e il suo mantenere i piedi a terra, nonostante l’enorme Talento.

Ristorante Essenza Via Giacomo Leopardi 8 Pontinia tel. +39 0773848975

L’Hotel Punta Rossa e l’incanto del Circeo

Era da molto tempo che pensavamo di abbinare un soggiorno in una struttura alberghiera, alla visita di quelle di tipo ristorativo, nel non troppo lontano Litorale Pontino. L’occasione propizia è capitata di recente, cioè quando verso la fine dello scorso mese si sono svolti tre eventi serali in questo fortunato territorio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo una rapida ricerca sulle strutture più caratteristiche e vicine a Essenza, Il Giardino del Pane, ‘Ndino e Gusto & Tradizione, la scelta è andata verso l’Hotel Punta Rossa di San Felice Circeo.

Già percorrendo via delle Batterie, la strada che dal centro storico di San Felice, si arrampica sullo storico promontorio decantato da Omero nell’Odissea, siamo stati rapiti da un territorio dotato di una bellezza ammaliante. Certo la mitica Maga Circe abitava in un posto meraviglioso e la prima prova c’è stata data dall’ampia veduta panoramica sulla spiaggia di San Felice. Abbiamo goduto della bellissima veduta, proprio prima che la via, dopo la curva a destra, ha iniziato a scorrere parallela al mare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Siamo arrivati a destinazione prima di pranzo. La stanza che c’era stata assegnata non era ancora disponibile ma c’è stato comunicato il suo numero. Il ricevimento ci ha invitato a lasciare i nostri bagagli in prossimità del divano, posto di fronte al bancone, indicandoci la via del mare e della piscina dove abbiamo trascorso qualche ora in attesa delle ore 15, quando effettivamente potevamo prendere possesso di quanto prenotato. Risalito il sentiero, proprio all’ora concordata, visto che non siamo stati chiamati, possibilmente prima, come promesso. Dopo una lunga e preoccupante ricerca dei nostri bagagli, siamo stati accompagnati in stanza da un gentilissimo facchino. Il tempo di appoggiare le valige, metterci meglio in libertà e siamo andati di nuovo verso il mare, proprio per finire di goderci la sua bellezza. Siamo rientrati poi verso la stanza, in tempo per partecipare alla cena che già pregustavamo e che ha avuto luogo nel ristorante Essenza, del giovane e talentuoso Chef Simone Nardoni. Abbiamo avuto qualche perplessità a individuare la posizione della stanza, in quando il numero che ci era stato comunicato non corrispondeva a quello che avrebbe dovuto essere presente vicino alla porta. Una rapida occhiata alla chiave ci ha fatto capire che la stanza pre-assegnata ci era stata cambiata, senza nessun tipo di avviso, e che la nostra sarebbe dovuta essere quella in fondo al corridoio, dotata altresì di ampio terrazzo esterno a penisola, dal quale avremmo potuto deliziarvi di bellissime foto e non di quello minuscolo, rientrante e chiuso da un arco in dotazione alla nostra stanza riassegnata.

IMG_0900

Un terrazzo così piccolo che per aprire le imposte abbiamo dovuto spostare una sedia e il minuscolo tavolo a corredo. Al di là del poco godibile spazio esterno, quello che ci ha rammaricato è di aver usato un numero di stanza diverso da quella successivamente e effettivamente, nel frattempo, assegnata. Conseguentemente abbiamo immediatamente chiesto al ricevimento di spostare le consumazioni sulla nostra stanza e magari, la prossima volta, di essere informati per tempo, proprio per meglio evitare possibili imbarazzi e disservizi. Una laconica riassegnazione di stanze è stata la giustificazione che non ci ha consolato e che nei giorni a venire sarà accompagnata da una successiva e più precisa dichiarazione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Certamente un inizio poco rilassante e non consono allo stupendo scenario che la struttura è in grado di offrire. Infatti, c’è sembrato di vivere in un piccolo paese marinaro Italiano. Il pensiero è andato subito alla vicina Sperlonga e alla non troppo lontana Capri. Ogni stanza della struttura è si è rivelata diversa dalle altre e il loro basso numero non permette di creare assembramento attorno alla piccola piscina o sugli scogli a mare. La parte più caratteristica è stato il cosiddetto “Villaggio dei Pescatori” posto proprio adiacente alla cala Rossa, dove insiste anche una spiaggia di ciottoli non di proprietà.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo scenario selvaggio è altresì stato reso ancora più caratteristico da uno scoglio, che visto dalla giusta prospettiva, dava l’idea di prendere le sembianze di una tuffatrice, ovvero, con uno sforzo ulteriore di fantasia, sembrava di vedere la Maga Circe che voleva entrare in mare, proprio per convincere l’amato Ulisse a non tornare verso Itaca e dalla sua fedele Penelope.

Forse il palazzo che abitava la Maga sarà stato, come lo scoglio per noi ora, una fantasia letteraria di Omero ma una suite in particolare ha attirato la nostra attenzione ed è quella che all’inizio della piazzetta è dotata di terrazzo, in pratica sulle onde, e di un caratteristico camino con la quinta del mare che ne fa un sicuro nido d’amore in periodi anche più freddi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La piscina non è grandissima ma è stata ben inserita nella macchia mediterranea che gli fa da sfondo su un intero lato. Qui sarebbe stato opportuno rendere più di livello i servizi igienici e in modo particolare la doccia che andava pulita meglio e alla quale sarebbe dovuta arrivare anche l’acqua fredda per usufruire di docce tiepide e non bollenti e/o veramente rapide.

I ragazzi del bar sono stati molto cortesi e, ogni giorno, sempre pronti ad allestire per tempo un pantagruelico buffet capace di offrire svariati antipasti, primi con crostacei e molluschi e secondi piatti con pesci di grande taglia. Sulla qualità non possiamo scrivere nulla perché le già programmate cene, non ci hanno consentito di approfittare di questa generosa offerta.

IMG_0925

Invece la colazione è stata servita all’ombra di un immenso Ficus che ha donato frescura a una piazza interna. Anche qui i camerieri sono stati gentilissimi e Tonino ha fatto dei cappuccini a regola d’arte che accompagnavano dei lievitati anch’essi ben eseguiti. Ha completato la struttura, una piscina di Talassoterapia, dove è possibile fare massaggi e vari trattamenti del corpo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La sera opera il ristorante con menù à la carte, dotato di una sala molto ambita per ricevimenti e cerimonie, la quale offre, forse, la migliore vista sul mare e sulle Isole Pontine.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono stati un tripudio di colore e altresì molto ben curati i giardini che costeggiano le scale che conducono alla piscina. Molto ben pulita la stanza, mentre la struttura e l’arredamento risentono un poco l’uso degli anni.

Hotel Punta Rossa San Felice Circeo LT Tel. +39 0773548085

Ristorante degli Angeli: la vera tradizione riproposta in chiave moderna e condita da oli eccellenti!

È da molto tempo che ho messo l’Hotel Ristorante degli Angeli tra le mete da visitare. Per una serie di motivi, ciò non è mai avvenuto. Eccomi quindi oggi, in una torrida giornata di Giugno, affrontare la stretta salita che, attraversando il bosco e bei crinali panoramici, mi consente di arrivare al ristorante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Entrando in sala ho la conferma che la definitiva molla che mi ha condotto qui è l’esaustiva offerta di oli che gli appassionati fratelli Marciani mettono a disposizione della loro clientela. Riconosco tanti oli mirabili e posso solo immaginare il percorso di crescita che questa famiglia ha sviluppato durante la sua attività. In effetti, già gli avi accoglievano gli avventori presso il loro locale denominato La Sosta. Oggi esistono oltre alla gastronomia ricca di prodotti di pregio, l’hotel e due ristoranti. Il più grande, al piano inferiore è spesso teatro di ricevimenti e, in virtù anche del panoramico giardino è usato, da più edizioni, per l’evento di beneficienza “Con il Cuore nel Piatto”. Mi fa piacere annoverare che questo evento vedrà la partecipazione degli Chef che non solo cucineranno a titolo gratuito ma offriranno la loro materia prima con la quale elaboreranno le loro pietanze. In aggiunta è importante sapere che il ricavato servirà ad acquistare un macchinario specifico che allieverà le sofferenze dei bambini affetti da SLA.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono fatto accomodare al mio tavolo dove sono accompagnato con estrema gentilezza. La sala è luminosa e offre una magnifica vista sulle vallate e colline circostanti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il giovane Sommelier, avendomi visto interessato agli oli, mi propone una degustazione di alcuni di essi; un’azione questa che, oltre a farmi apprezzare la passione che qui ripongono nell’oro verde, ha l’effetto di rilassarmi dal viaggio e di sentirmi accolto come in casa di amici.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un ulteriore e fattivo benvenuto mi è offerto tramite una freschissima passata di piselli che trova il suo perfetto equilibrio con il guanciale croccante e l’anguria. Un piccolo capolavoro di equilibrio che mi fa immediatamente comprendere la “mano” della Chef e del suo estro nell’uso della materia prima, solo di quella, per dare sapore ai piatti. La stessa gentilezza la trovo nei pani e nella focaccia che sono di estremo livello. Buonissimi tutti e devo impormi su me stesso per non mangiarli completamente dopo l’assaggio.

Non essendo mai stato qui opto la mia scelta verso La Proposta di Laura; un menù degustazione complesso e intrigante che viene proposto all’irrisoria cifra di 40€.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La varietà del menu, e la sua importanza, impongono la scelta di un vino articolato che sappia “reggere” tutto il pasto. Dopo aver dato un’attenta lettura alla carta dei vini, scelgo la Ribolla 2008 di Josko Gravner. Un vino che ho avuto il piacere di bere più volte, provando varie annate. Questo è un vino complesso, multidimensionale, emozionante, appagante e al tempo stesso dalla beva compulsiva. La speranza è che i vignaioli artigiani, come Josko, riescano sempre più a darci queste emozioni attraverso i loro vini. Questo è un gran vino, di un capacissimo vignaiolo!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Affronto il primo antipasto. Il “Fiore di Laura” è il fiore maschio della zucca riempito con ricotta dolcissima, reso leggermente acido dal pomodoro, aromatizzato dal basilico, ai quali si aggiungono gli umami di mare e di terra tramite l’uso gentile delle acciughe, del Reggiano e del tartufo scorzone. Questo piatto è una vera orchestra di sapori e delle materie prime in esso usate, senza inutili aggiunte di altri condimenti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi è servito il successivo antipasto: Crudo di filetto alla “Marciano” con Reggiano e tartufo scorzone. La carne che compone la battuta di Chianina è eccellente ed è stata altresì rinfrescata e profumata con la giusta quantità di limone, aglio e prezzemolo. Io oso aggiungere solo poche gocce di Uliva DOP del Frantoio di Riva. L’olio, di cultivar Casaliva, apporta al piatto la sensazione di pepe insieme ai toni di carciofo e cicoria che fanno prevalere l’amaro sul piccante, quest’ultimo supportato dalla nota di ravanello. Chiude la mela verde che offre la sensazione di altra freschezza, aiutando sinergicamente il contributo salino dell’olio. Estasi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Penso voglia essere un doveroso contributo al fortunato Territorio, dove è posto il ristorante, questo primo piatto eseguito con tortelli ripieni di Fiocco della Tuscia, pomodoro ramato e Canestrato Sabino. L’interplay tra sfoglia, i due formaggi e il pomodoro regala viva emozione che provo leggermente a esaltare tramite l’uso di alcune gocce di olio Blend di Mandranova. Il frutto del vecchio Oliveto, lasciato libero così come i nostri avi amavano coltivarlo, oggi rinforza il piatto con le sue note di pomodoro, in aggiunta a quelle erbacee che danno successiva sensazione di pascolo ai formaggi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il petto d’anatra al moscato zibibbo, pinoli, uva passa e albicocche secche è un altro riuscito piatto a base di carne. Inizialmente sembra che la resistenza al morso sia eccessiva, invece dopo qualche secondo tornano quelle sensazioni di gusto ancestrali che abbiamo smarrito con le cotture “moderne”. Qui forse, per il mio palato, il piatto tende a virare un poco sui toni dolci ma lo correggo subito tramite l’uso di Emozione, l’olio di Decimi. Questo nettare è una intonatissima orchestra di sentori e sapori. Tra i tanti, qui mi soccorrono, virando il piatto verso l’amaro e il fresco, quelli che di solito sono i più notati in un esame organolettico: carciofo ed erba.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Prima del dolce, mi raggiunge in sala la Chef Laura Marciani. Una persona solare e di grande spessore. Dopo la disamina dei piatti non riesco a contenermi e gli confermo la piacevolezza della sua Moderna Cucina che propone efficacemente, interpretando perfettamente le mutate e accresciute esigenze del gusto, rispettando altresì la nostra più autentica e vera Tradizione, elaborandola ed esaltandola con quella mano leggera che solo in Lei e Anna Rita Simoncini riesco a riconoscere. Sono quasi commosso e spero che questa diventerà sempre più una possibilità di alta cucina che possa essere il contraltare, molto Italico, della vera e alta cucina Gourmet.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Chiudo con due dolci dalle spiccate caratteristiche di freschezza: Il Paradiso degli Angeli e la delizia di Ricotta con cioccolato bianco, frutta secca e passion fruit.

Una nota di merito va allo staff di sala, sempre disponibile e sorridente a qualunque richiesta e altresì dotato di rara simpatia. Non dimenticherò mai la battuta rivolta verso il cliente amico che rischiava di prendere sole, perché prossimo a una delle panoramiche finestre: “Carissimo se non ti sposti, mi costringi a portarti il menù delle creme solari”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Chiudo questa felice esperienza con una visita al panoramico giardino e alla romantica piscina. Tornerò presto.

Hotel Ristorante degli Angeli Località Madonna degli Angeli

Magliano Sabina RI Tel. +39 074491892

OLYMPUS DIGITAL CAMERAP.S.: Questi sono gli oli degustati durante il pranzo. Non è presente, in questa foto, il successivo olio Miscellanea Iblea di Tenuta del Pettirosso.

Da Romolo al Porto, quando il Mare è servito a tavola

Anzio, celebre città del Litorale a Sud di Roma, è famosa per aver dato i natali agli Imperatori Caligola e Nerone. Di antica origine Volsca, dopo vicissitudini di guerra passò ai Romani che lasciarono reperti storici; non di poco conto quelli della famosa villa appartenuta all’ultimo Imperatore della dinastia Giulio/Claudia. La città conserva inoltre alcuni villini di pregevole architettura, costruiti tra la fine dell’ottocento e gli inizi del novecento, quando Anzio fu un’ambita meta di vacanza dell’aristocrazia Romana. In anni più recenti, così come il restante Litorale, la città ha vissuto una costante crescita demografica. Anzio è altresì famosa per la qualità del pesce e, di coseguenza, l’asta della locale cooperativa è molto ambita, proprio perché il prodotto venduto qui è di pregevole proprietà organolettica. C’è inoltre chi, come il Ristorante Romolo al Porto, è altresì dotato di un proprio peschereccio, al fine di servire al meglio la propria clientela con un pesce vivo e a miglio zero. Ho mangiato più volte il pesce pescato da questo peschereccio, perché la rara eccedenza è portata all’asta dove Deris Nardò, il Pescivendolo che mi fornisce, alcune volte ha la prontezza di acquistarlo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non ero mai stato da Romolo e ora eccomi qui, in una calda giornata di Giugno, comodamente seduto nel dehor a pochi metri dal mare. Nonostante la temperatura sia alta, l’ombra, qualche rara pala al soffitto e soprattutto la brezza marina già mi consolano, rinfrescandomi, dal lungo viaggio affrontato per giungere qui da Roma.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi raggiunge il dinamico Walter Regolanti, proprietario del ristorante insieme al fratello Marco Tullio, che prontamente m’illustra le specialità ittiche che andrò a mangiare e che sono quelle che oggi il mare ci ha donato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi parla della possibilità di abbinare vini al bicchiere anche con prodotti d’Artigianato e, vedendo il mio viso illuminarsi, mi suggerisce un calice di Esperienze 2010 del mitico Gaspare Buscemi. Il vino è stato prodotto senza impiego di anidride solforosa, così come non sono stati aggiunti lieviti selezionati e non è stata operata alcuna filtrazione; malgrado ciò si presenta limpidissimo. Il blend che vede prevalere tra i vitigni il Verduzzo Friulano, è freschissimo con la sua carica di mela e agrumi. Ritengo che il vino di Gaspare accompagnerà egregiamente i piatti di pesce e in modo particolare i crudi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La partenza è da urlo con una Tracina d’amare per tutta la vita, soprattutto in virtù della sua inarrivabile freschezza e pulizia delle carni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Si fanno apprezzare anche la Marmora, lo Scampo, i Gamberi bianchi e i due Gamberi Rossi. Questi ultimi sono serviti ognuno condito in maniera diversa, tanto per partire giocando un poco con il gusto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gli Oli usati li riconosco dai sentori di pomodoro e Walter mi conferma che sono di Cultivar Itrana. Comprendo e apprezzo la capacità di fare sistema, sul Territorio, ma qui degli Oli delicati, con delle note fresche di mela, avrebbero rischiato di farmi sbattere la testa sul tavolo per la gioia.

Dopo un assaggio di calamari crudi e zucchine, Walter si scatena con altri crudi di pesce.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un crudo, tagliato spesso come se dovesse essere cucinato alla maniera tataki, apporta resistenza al morso e, anche in ragione del relativo spessore della carne, mi fa immergere in un’emozione di mare che tanto ricorda quella, appena vissuta, con la Tracina.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo un paio di riusciti passaggi con filetti di pesce, sempre crudi, accompagnati da frutta, mi accingo a degustarne altri due ma, questa volta, serviti con sughi estratti a freddo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ci sono anche dei calamari e uno scampo che sono presentati alla stessa maniera. Qui le carni dei pesci, del cefalopode e del crostaceo sono come esaltate nella loro intrinseca freschezza dagli estratti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi rilasso e mi lascio completamente andare in questo godurioso mare del gusto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Passo ad affrontare ben tre fritture. Tra queste la più intrigante è quella che vede il calamaro, che dopo essere stato fritto, è accompagnato da una salsa esotica che ha bisogno di un altro tipo di vino. Mi viene in soccorso Enrico Sgorbati, il capace Vignaiolo di Torre Fornello, di cui avevo scritto qui https://foodwineadvisor.wordpress.com/2017/02/08/torre-fornello-quando-la-cultura-la-passione-e-leleganza-sono-un-tuttuno-con-il-vino/, con il suo Donna Luigia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un vino composto di Malvasia di Candia in splendida purezza, che mi si offre con tutto il suo carico di agrumi, fiori bianchi e frutti esotici, esaltando così al massimo la pietanza. Solo il 20 per cento della massa fa un passaggio in legno, proprio per dare quel pizzico di rotondità che arriva in bocca senza nulla togliere alla freschezza e all’elegante aromaticità di un vitigno che nel Piacentino ha trovato il suo Territorio di elezione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Passando ai cotti, trovo serenità nel pesce cucinato in umido con il pomodoro Torpedino. Il contorno dell’orto Pontino, composto di pomodori, patate e olive, in pratica sommerge un successivo generoso scampo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel frattempo cerco refrigerio tramite un poderoso gambero, immergendolo in una salsa di cocco.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Affronto deciso la coda di rospo, opportunamente aromatizzata con il rosmarino e impreziosita dalle olive di Gaeta, al fine di terminare la lunga “passeggiata” degli antipasti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La pasta è lo SpaghettOne del Pastificio Gentile di cui avevo scritto qui: https://foodwineadvisor.wordpress.com/2015/04/28/pastificio-gentile-emozioni-a-gragnano/

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nonostante la pasta sia letteralmente nascosta da un’abbondanza di gamberi bianchi, vongole veraci e pomodoro, è rimasta cotta alla perfezione, resistendo perfettamente al morso dalla periferia al centro dello spaghetto. Le vongole sono di estrema bontà e pulizia di sapore e danno il loro contributo alla riuscita del piatto, aiutate dal pomodoro e dal giusto amido rilasciato dalla pasta in cottura.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non oso contare i piatti fin qui degustati, comunque l’imbarazzo è vinto da Walter che ci tiene a farmi assaggiare la sua zuppa di pesce in bianco. Qui ritrovo la bontà dello scampo e dei gamberi rossi ma sono sconvolto dalla sensuale carnosità della cozza. La carne è turgida al morso e altresì morbida e setosa al contatto con il palato. Pressata fra i denti, rilascia tutta la sua dolcezza accompagnata dai sentori salmastri del mare. Un vero contatto erotico e del gusto che difficilmente scorderò. Walter mi spiega che, assecondando le stagioni, usa mitili di provenienza diversa, apprezzando anche quelle del vicino Lago di Paola.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Finisco il lungo pranzo con una composta di frutta bagnata da un’estrazione di agrumi e dal gelato di vaniglia e cacao elaborati con acqua al posto del latte. Una scelta appropriata e che rinfresca il palato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Malgrado oggi sia un giorno infrasettimanale, la veranda del ristorante è in concreto piena di avventori, mentre i tempi di attesa sono stati limitati e giustamente cadenzati. Walter e Marco Tullio Regolanti gestiscono la loro impresa con ampia capacità imprenditoriale, come se fosse una macchina da guerra, cercando di stare “sul Cliente” per assecondarne le esigenze. La clientela è comunque varia e spazia da quella turistica, passando per quella dei professional per arrivare ai gourmand.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Giustamente qui si è scelto di non inseguire premi ma di fornire un’eccellente materia prima a un vasto pubblico, avido di una “mangiata” di pesce di livello e che non ha voglia di impegnarsi nella cosiddetta cucina gourmet.

Più che un ristorante, Romolo al Porto di Marco Tullio e Walter Regolanti, è la trattoria che è capace di interpretare nella maniera moderna e attuale tutta la bontà che il Mare, ogni giorno, ci offre.

Due fratelli imprenditori che oltre al ristorante e al peschereccio, citato sopra, gestiscono il Tender to Romolo Caffè, aperto pochi giorni fa. Quest’ultimo è un locale polifunzionale dove, oltre al gelato artigianale, posto nei professionali pozzetti, si potranno trovare, tra tante altre specialità, i cornetti di pasticceria e il caffè a chilometro zero Cubacafè.

Romolo al Porto Via Porto Innocenziano, 19 Anzio RM Tel. +39 069844079

Filodolio, quando l’olio è cultura anche al ristorante

Ancora ricordo nitidamente quella sera, di alcuni anni fa, in cui entrando da Oleonauta, la prima Oleoteca in Roma, pensai che di lì a poco avrei conosciuto una donna coraggiosa o una pazza. Simona Cognoli mi dissipò subito ogni dubbio sulle sue capacità di educare una città così poco attenta verso la qualità in cucina, compreso l’elemento cardine per la riuscita di ogni pietanza. L’Olio EVO, in altre parole la sua eccellenza, è qualcosa che i più devono ancora scoprire ma da quel giorno molte cose sono cambiate e la cultura del verde nettare ha trovato terreno fertile, persino nella Capitale. Alcune altre Oleoteche sono state aperte in città e gli Chef si sono sempre più coinvolti in abbinamenti capaci di esaltare i loro piatti. Le tantissime cultivar, e i molteplici Oli di alta gamma, permettono di giocare con il gusto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Filodolio, il ristorante posto nel quartiere Africano, è nato dalla ferma decisione del Manager Stefano Danaudy Mastelloni di esaltare l’uso dell’oro verde in cucina e non solo. Giustamente, l’ex dirigente d’azienda, ha capito subito che per avere speranze di successo, una simile proposta, aveva bisogno di persone di grande sensibilità. Chi meglio di tre Donne?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La giovanissima Anastasia Paris è stata chiamata ad assumere il ruolo di Chef. Nonostante i suoi 23 anni ha un curriculum che vanta ben otto anni di esperienza trascorsi dietro i fornelli. L’instancabile Liana Davletsina è la Sommelier dell’Olio e, oltre a girare il mondo per essere presente dove c’è un accadimento dell’olio, gestisce ricorrenti eventi per il ristorante. Completa lo staff di sala, Augusta Boes, la Sommelier del vino diplomata FIS.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il ristorante ha due sale. La prima più contenuta è situata all’ingresso del locale, l’altra è al piano inferiore e beneficia della vista della cucina. Inoltre è in fase di allestimento un dehor che sarà usato nella bella stagione.

Mi siedo a un tavolo della sala superiore. Un sottofondo di musica Jazz mi accompagnerà per tutto il pranzo mentre il benvenuto mi è dato tramite due piccole bruschette condite con oli diversi.

È buono l’inizio con le polpette di agnello da allevamento biologico. La mela dona la giusta acidità che compensa la dolcezza del grasso della carne mentre gli anacardi aggiungono successiva resistenza al morso che bilancia la morbidezza intrinseca dell’antipasto. L’olio in abbinamento è il Carpellese di Madonna dell’Olivo che accompagna, assecondando la pietanza, tramite i suoi sentori di mela verde e frutta secca.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono riusciti anche i Ravioli realizzati con borragine, crudo di scampo pugliese e maionese leggera alla soia. Qui andrà presa la giusta dose di salsa per non coprire il mare dello scampo e il contributo di Anfosso, l’olio Ligure di cultivar Taggiasca.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ottima la Battuta di manzo pura razza Piemontese, presidio Slow Food. Rimane un poco secco il “tonno del Chianti” che completa il piatto insieme all’aceto affumicato. Molto appropriata la scelta di Emozione il blend di Decimi, un olio che anche se è spesso descritto per i suoi toni erbacei e di carciofo, in realtà è una vera orchestra di sentori e sapori. Anche per questo motivo è uno degli oli di casa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Rilassante il Risotto allo spinacino fresco e burrata affumicata che presenta in abbinamento l’intenso Selezione Coratina de Le Tre Colonne. Un olio capace di “svegliare” la pietanza con il suo apporto di erbe aromatiche, e non solo, in aggiunta alle note di carciofo e cardo che spingono l’amaro a contrastare il generoso piccante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi rendo conto che magari sarà apprezzato dal pubblico, ma personalmente trovo poco appropriato, strategicamente in questo contesto, di esaltare con l’uso dell’olio il Risotto mantecato al parmigiano, speck di Sauris e liquirizia. Qui c’è un trio di elementi che manda in saturazione il palato e nulla può apportare, in termini di equilibrio, l’Intosso Trappeto di Caprafico di Tommaso Masciantonio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

È buona la Tagliata di tonno scottata con bruschetta all’arancia, pomodorini scottati, stracciatella di fiordilatte e olive taggiasche. Forse, visto il periodo estivo, questo piatto andrebbe alleggerito con zeste d’arancia al posto della bruschetta e, magari, eliminando la stracciatella. La spinta di sapore potrebbe essere recuperata da Olive Itrana, quelle dei migliori produttori della provincia di Latina. Qui c’è lo stupendo olio biologico di Titone, anch’esso da anni olio di casa, che ben integra il carnoso pesce con le sue note aromatiche e saline.

È intrigante la chiusura che avviene tramite il cremoso al cioccolato, coulis di arancia e “filodolio”; in realtà bastano poche gocce di Coratina de Le Tre Colonne per esaltarlo a dovere.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Certamente quella di Filodolio è una bella sfida, soprattutto in un ambiente cittadino che tende a seguire di più le mode d’importazione e situazioni che non ci appartengono. L’olio è parte della nostra cultura e sono certo che grazie alla managerialità e alle competenze dello staff del ristorante questa sfida sarà vinta. Bisognerà porre altresì attenzione, nel crescere, a confrontarsi con esperienze anche di altri che con il condimento verde ci giocano da qualche tempo come, tanto per fare qualche esempio: Niko Romito, Simone Nardoni, Famiglia Marciani, …

Filodolio

Via Tripolitania, 147 Roma

Tel. +3986212938

P.S. del 08/07/2017. Apprendiamo oggi del trasferimento professionale di Anastasia Paris verso Melbourne. Facciamo i nostri migliori auguri alla giovane Chef.

Il San Giorgio, la sua Cucina e la sua Sala proiettate ai massimi livelli.

Torno sempre volentieri nei luoghi in cui sono stato bene. Uno di questi è il Ristorante San Giorgio, posto a Maccarese, nei pressi di Roma e di cui vi avevo parlato qui: https://foodwineadvisor.wordpress.com/2016/07/20/ristorante-san-giorgio-un-gustoso-approdo-del-litorale-laziale/

Valerio Volpi non fa più parte dello staff di cucina. L’attuale fornitore (sempre bio) è l’azienda agricola Rinaldo Silvestri, anch’essa posta a Maccarese.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Andrea Viola, forse perché stimolato dalla mancanza dell’Amico Chef, ogni volta che torno mi convince di più. I piatti sono sempre più nitidi, complessi e altresì equilibrati. In questa visita, per esempio, sono stati di assoluto livello: l’aperitivo con la sfera Campari, in virtù della sua indiscutibile freschezza; il bagnasciuga, ancora più nitido nel suo rappresentare il mare e la spiaggia nella vista e nel gusto; il carpaccio di gambero, un vero matrimonio tra il litorale e i campi coltivati di Maccarese; la bruschetta, eccellente e rinfrescante cibo estivo; il polpo, esaltato dagli spinaci selvatici, guacamole e dal gel di chinotto e limone; l’anguilla di rara eleganza, inebriata dal lampone e dal ravanello glassato; la linguina ai ricci di mare locali, un piatto di rara eleganza, nel quale l’umami di mare ha trovato corrispondenza in quello terragno del tartufo estivo, anch’esso dotato di rara finezza. Poi quel sedano croccante a regalar fragranza, così come il dessert di Frangipane al Passion Fruit a donare freschezza dopo un pasto così complesso. Complimenti ad Andrea che nella sua costante crescita. Dovrà magari operare alcune opportune sottrazioni in qualche piatto e, magari, dotarsi di Oli ancora più adeguati a esaltare la sua cucina di valore, perseverando così una crescita che lo condurrà a raggiungere traguardi assoluti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Sala adesso è tutta al femminile. Alla bravissima ed entusiasta Noemi, Maître dell’accoglienza, sempre prodiga di consigli, attentissima nel far star bene qualsiasi avventore e vera appassionata e divulgatrice di vini di Artigianato, si è affiancata una giovane e motivata ragazza di Sala.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Chiara mi ha colpito subito, non tanto per il suo piacevole aspetto, ma per la partecipazione che mette nel suo lavoro e soprattutto per la capacità di illustrare le pietanze con estrema chiarezza. Aiutata da tanta volontà, è qui perché un giorno è stata capace di bussare alla porta con un curriculum in mano, e dagli studi di Psicologia che ritengo importanti per potersi interfacciare perfettamente alla variegata clientela.

Mi riempie di gioia costatare che il San Giorgio sia in costante crescita e la speranza è che questa evidenza sia presto riscontrata da chi, nel settore, è in grado di intercettare i veri Talenti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Aperitivo – Sfera di Campari, Arancia e Noccioline; Tramezzino Dentice al Vapore, Pomodoro e Spuma di Basilico; Cannolo di Rapa rossa con Baccalà mantecato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Benvenuto dello Chef – Bagnasciuga, Cozze e Vongole gratinate con crumble di pane al nero, aria di prezzemolo e “mare” di acqua delle telline, alga Spirulina e olio affumicato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Ostrica Sciocca – ostrica “Chrystal” sbollentata e subito freddata in acqua di mare e ghiaccio, con coppa di maiale nostra produzione, salsa di mela verde, nachos di polenta, ortica e rapa liofilizzate, sfera di Martini, agretti cotti nell’acqua delle ostriche.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Carpaccio di Gambero – Gambero rosso, Frolla al Cioccolato Crudo, maionese al Lampone, Bavaresi di Limone e Prosecco, Fragola e Sedano, Cocco e melissa, gelatina di Giardiniera, salsa di Rafano.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Bruschetta – raviolo di pane con ripieno di Melanzane, tartare di Pomodori, Sorbetto di Basilico e Gelato di Stracciatella di Bufala, salsa all’Aglio dolce e salsa di Capperi, gelatina di Aceto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Risi, risi e Bisi – Seppioline Sautè e polpettine di Seppia, Cialda di Riso soffiata ai Piselli, Ghiacciato di Piselli, Spugna al Nero di seppia, salsa di Passion Fruit e Finocchietto, Bottarga.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Polpo – polpo cotto a pressione, rosticciato, con spinaci selvatici scottati, gel di Chinotto e Limone, e Maionese di Polpo, con Guacamole e crumble salato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Anguilla – Anguilla laccata alla cacciatora e lampone, con tortino di patate, olive e santoreggia, salsa di pajata speziata, e ravanello glassato all’aceto balsamico con granita di vermouth.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pasta e Patate – Spuma di Patate, Spaghetti cotti nella Camomilla e saltati con salsa Harissa, Scampi crudi, Bisque, crema di scampi e Lemongrass.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Linguina Ricci – Ricci di mare locali, Sedano Croccante e Tartufo nero Estivo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Rombo – rombo a Pressione, salsa di Tartufo, Bieta selvatica all’agro, Taccole e salsa di Pesca Tabacchiera al vino bianco, con Flan di Funghi Pioppini.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Baccalà – cotto a bassa temperatura, Zucchine al Barbecue, Meringa di baccalà e Pina Colada, Caviale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lasagne Nude e Crude – Ristretto di Ragù, Pan di Mozzarella, cremoso di Sedano, Carota e Cipolla con Tartare di Manzo e cialda di Parmigiano e cipolla al Carbone.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dessert – Frangipane al Passion Fruit, Ganache al Lampone, Lemon Curd, Lampone e Crema, Mela Verde e Erba Cola.

Ristorante San Giorgio Piazza della Pace, 9 Maccarese – Fiumicino RM Tel. +39 0666579054

 

Il Roero: Le varie declinazioni di una DOCG da riscoprire.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ha avuto luogo, presso La Piccola di Casa Bleve in Roma, un’interessante degustazione di vini del Consorzio Tutela Roero, condotta con efficacia da Daniele Cernilli.
Sono stati degustati nove vini Arneis e altrettanti Roero, provenienti dalla vocata zona, posta alla sinistra del fiume Tanaro e a Nord Est della provincia di Cuneo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
I vini, tutti dotati di pregevole fattura, sono stati apprezzati da un pubblico per lo più costituito da Giornalisti e Professionisti del settore Eno-Gastronomico.
Mi hanno particolarmente intrigato:
il Roero Arneis Enritard 2012 di Cornarea, che al di là della dimostrazione della longevità, questo vino bianco, si è fatto apprezzare per le note affumicate e di pietra focaia, che unite a un concerto di profumi elegantissimi si è subito ben presentato al naso. In bocca grande equilibrio tra alcol e acidità. Ha chiuso morbido;
il Roero riserva DOCG Mompissano 2012 di Ca’ Rossa si è rivelato complesso, ampio ed altresì elegantissimo alla beva. Il tannino preciso, l’acidità, in simbiosi perfetta con il sale, che mascherano l’alcol sono parte di un vino eccellente, capace anche nel finale di donare piacevolezza, tramite le sue note di distillato;
il Roero Riserva DOCG Montebeltramo 2009 di Malvirà si è presentato subito con i suoi elegantissimi profumi di frutti di bosco che si uniscono alla corrispondenza di beva e al tannino sferico. Finale lungo e fresco che invita al nuovo assaggio.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Franciacorta à gogo in Villa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

È da qualche tempo che sono un felice frequentatore degli eventi enogastronomici organizzati da Decant, l’associazione gestita in maniera professionale da Gianni Magliozzi, Yuri Simonelli e Roberto Truglio.

18558556_1676750822338519_7021687546574216354_o

Anche quest’anno la quinta edizione di “Franciacorta in Villa”, patrocinata dal Consorzio Franciacorta e dal Comune di Fondi, sarà ospitata nell’elegante cornice di Villa G&J, durante il 24 e il 25 giugno 2017.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il viaggio enogastronomico alla scoperta dei sensi, replica il format delle passate edizioni che vede ristoratori e operatori dell’eccellenza gastronomica locale affiancare le aziende vitivinicole provenienti dalla Franciacorta. Nel corso delle due serate non mancheranno sorprese e approfondimenti tematici. Infatti, Il 24 giugno sarà Alessandro Scorsone a tenere un interessante seminario di approfondimento sul Franciacorta Rosé.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Gli appassionati potranno scegliere fra 44 etichette della Franciacorta, tra le quali ricordiamo: 1701, Antica Fratta, Bellavista, Berlucchi Guido, Bersi Serlini, Bosio, Ca’ del Bosco, Camossi, Castello Bonomi, Cintus, Contadi Castaldi, Ferghettina, La Costa di Ome, la Fiorita, La Rotonda, La Torre, La Valle, Marchesi Antinori-Tenuta Montenisa, Mirabella, Monte Rossa, Mosnel, Villa Franciacorta. Successiva attenzione dovrà essere data alla gastronomia che sarà curata sapientemente da Agricola Gizzi, Caseificio Cammisa (Silvana Frutta), Coffee System, Dolci Italia, Fruit Service, Macelleria Mattei, Magni Ricevimenti, Norcineria Petrillo F., Pizzeria Maruzzella, Retroterre Ortofrutta Petrillo, Ristorante Da Fausto, Ristorante Riso Amaro, Tiella Slow.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un incontro ideale, quello creato da Decant, ben congegnato tra la Franciacorta, territorio situato in Lombardia sulle sponde del lago d’Iseo, e la Piana di Fondi, posta a Sud di Roma e che si estende fino al Mare. Questo evento che ogni anno richiama nella Città di Fondi numerosi appassionati e curiosi sarà un sicuro successo, così come testimoniano, per il passato, le foto a corredo. Partner delle due serate saranno le aziende Gino Vaccaro e Magni Ricevimenti. L’evento è a posti limitati, si raccomanda la prenotazione. Per informazioni: 328/8449450, 335/6270026, 339/2060765, decantfondi@gmail.com, www.associazionedecant.it , http://fb.me/franciacortainvilla, http://fb.me/AssociazioneDecant

Festa a Vico. La lista completa degli Chef.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

LA REPUBBLICA DEL CIBO   (4 Giugno)
ABBATTISTA FABIO LeoneFelice Erbusco BS
ACCIETTO SALVATORE Le tre Arcate Piano di Sorrento NA
ACQUAVIVA MARIA Mignon Milano MI
AFELTRA GIOVANNI Re food al Vicoletto Sorrento NA
ALAIA GIOVANNI Pasticceria Ignazio Alaia Somma Vesuviana NA
ALBINI FABRIZIO Cristallo Hotel Cortina d’Ampezzo BL
ANDREOZZI ANTONIO 1Q84 Villaricca NA
ANNUNZIATA NUNZIO Hotel Delfino Ristorante Marea Massalubrense NA
APREA SALVATORE Da Tonino Capri NA
AVALLONE SALVATORE Cetaria Ristorante Baronissi SA
AZZARITO ANDREA Eccellenze Campane Napoli NA
BACIOTERRACINO VINCENZO George’s Restaurant – Grand Hotel Parker’s Napoli NU
BARBA GIUSEPPE Gran Caffè Zerilli Vico Equense NA
BASILIO AVITABILE Masseria Guida Ercolano NA
BELLINGERI ALESSANDRO Osteria de l’Acquarol Panchia TN
BERIO CECILIA Le Cave Imperia Imperia IM
BEVILACQUA PASQUALE Pasticceria Mamma Grazia Nocera Superiore SA
BIBBO’ FRANCESCO Ristorante That’s Amore Molinara BN
BIFULCO NANDO Bifburger San Giuseppe Vesuviano NA
BILLECI GAETANO Ristorante Palazzo Branciforte Palermo PA
BORGHESE ANGELO Vinile Salerno SA
BORRELLI LUCA Amo Rimini Rimini RN
BORRELLI ANTONIO Ristorante Ghe’ Kale’ San Paolo Bel Sito NA
BRESCIA GIANFRANCO Osteria della Dogana Foggia FG
BUZZANCA MARZIA Percorsi di Gusto L’Aquila AQ
CALOPRISCO ANDREA Osteria 22quattro Roma RM
CAMPANILE CIRO Hotel Elisabetta Lettere NA
CAPPELLI GIOVANNI Le Tamerici Roma RM
CAPPIELLO MICHELE Pasticceria Cappiello Santa Maria Capua Vetere CE
CAPUTI MARCO Maeba Restaurant Ariano Irpino AV
CARBONE GLORIA Manuelina Recco GE
CASCONE FILIPPO Panificio Cascone Lettere NA
CASOTTI LUIGI I 3 bicchieri Arezzo AR
CAZZAMALI FRANCO Macelleria Cazzamali Romanengo CR
CECCHELLI RAFFAELLA La tana dei Brilli Massa Marittima GR
CERA ANTONIO Forno Sammarco San Marco in Lamis FG
CERCIELLO GAETANO Villa Il Sogno Venticano AV
CHIAVAZZO ANNA Il giardino di Ginevra Casapulla CE
CILLO SABATINO Cillo Napoli NA
CINQUE MARIO Yacht Club Marina di Stabia Castellammare di Stabia NA
CLARONI MARCO Osteria dell’Orologio Fiumicino RM
CONDURRO ALESSANDRO L’Antica Pizzeria da Michele Napoli NA
COPPOLA LUIGI Tenuta duca Marigliano Paestum SA
CORDELLA MATTIA Zio Tom Castrignano del Capo LE
COTILLI MAXIMILIANO Satiricvm Latina LT
CRISCI ALFONSO Taverna Vesuviana San Gennaro Vesuviano NA
CUOMO EUGENIO Ristorante Sorrento NA
DADDIO GIUSEPPE Pasticceria Dolce & Salato Maddaloni CE
D’ADDIO RAFFAELE Il Foro Dei Baroni Puglianello BN
D’AMICO CIRO Quattro sensi del Borgobrufa Torgiano PG
DAVI MARCO Perbacco Aprilia LT
DE FELICE ORNELLA Coromandel Roma RM
DE GAETANO DARIO La Fescina nuova hostaria flegrea Quarto NA
DE GREGORIO DOMENICO Ristorante Lo Stuzzichino Massa Lubrense NA
DE MARINO CIRO Perla D’ Incenso Altavilla Silentina SA
DE MARTINO MICHELE 360 Salerno SA
DE RIGGI MAURIZIO Markus San Paolo Bel Sito NA
DE SIMONE CATELLO La marinella Sant’Agnello NA
DE SIMONE GIACOMO Punta Scuotolo – Le Axidie Vico Equense NA
DE VIVO LUDOVICO Capofaro Malvasia & Resort Salina ME
DELICATO CARLOTTA Venti2 – Laboratorio di Cucina Cassino FR
DELMONTE FEDERICO Chinappi Roma RM
DI CAPRIO ANIELLO Pasticceria Lombardi Maddaloni CE
DI PINTO ROBERTO Bulgari Hotel Milano Milano MI
DI PRISCO VINCENZO Palazzo Vialdo Torre del Greco NA
DI SIENO ANTONIO Macelleria Trippicella Napoli NA
DOTTORI EDI Sala della Comitissa – Ristorante con Bistrot Baschi TR
D’URSO LUDOVICO Urccr Vico Equense NA
ELISEO MARCIELLO L’Agliara Battipaglia SA
ESPOSITO MICHELE “Vulíe” Hotel Sporting Vico Equense NA
ESPOSITO ANTONIO I dottori del fritto – Eccellenze Campane Napoli NA
ESPOSITO LUCA La Locanda del Testardo Bacoli NA
ESTATICO EDUARDO Jkitchen – J.K. Place Capri Capri NA
FABOZZO ANGELO Tabernola Il Clanio Teverola CE
FAGGIANO RICCARDO Evù Vietri sul mare SA
FAIELLA VINCENZO De Vivo dal 1955I Pompei NA
FALCIANO MICHELE Le Patio Bart Paris FC
FATTORUSO GIANLUCA Hotel paradiso Lettere NA
FERRARI DANIELE ristorante val sia rosa Civita Castellana VT
FIELD MELENDEZ GUILLERMO ProfumoDiVino Treiso CN
FORNONI KEVIN LUIGI Relais Torre Mozza Torre Mozza LI
FRACASSI SIMONE Macelleria Fracassi Simone dal 1927 Rassina AR
FRADDANNO CIRO Gelateria Fraddanno Vico Equense NA
FRANZESE FRANCESCO Roji Japan Fusion Restaurant Nola NA
FRASSICA ALESSANDRO Ino Firenze FI
FUSCO FRANCESCO Il Moera Avella AV
GAGLIO GIOACCHINO Gagini Restaurant Palermo PA
GATTI CLAUDIO Pasticceria Tabiano Salsomaggiore Tabiano PR
GOLOSO MAX Macelleria Coredo TN
GRANDE MICHELE La Bifora Bacoli NA
GUBELLO ALESSIO Tenuta Mosè Sannicola LE
HALEVI SAUL Melia Sky Barcelona Barcellona BR
IERVOLINO GIANFRANCO Morsi & Rimorsi Aversa CE
IZZO POTITO La Taverna a Santa Chiara Napoli NA
LERICE MARIO Maragoncello Montichiari BS
LONGOBARDI GENNARO Ristorante Nonna Giulia Lettere NA
LUCAMARINI MARCO Il Casolare dei Segreti Treia MC
MALAFRONTE MASSIMILIANO Panificio Malafronte Ciro Gragnano NA
MALAPENA AGOSTINO Ristorante Costanzo Aversa CE
MARCELLI MIRKO Il Bacocco Roma RM
MARCIANI LAURA Ristorante degli Angeli Magliano Sabina RI
MARESCA VINCENZO Il Cellaio di Don Gennaro Vico Equense NA
MARICONDA GIOVANNI Degusta Avellino AV
MARTINELLI GABRIELE Il Machiavelli restaurant Pompei NA
MARZETTI STEFANO Mirabelle- Hotel Splendide Royal Roma RM
MASTROMATTEI LUCA Pescion Pescara PE
MATARESE CARLO Scintilla – Grand Hotel Cocumella Sant’Agnello NA
MAZZELLA AMELIO Ghiaccio d’Arte Bacoli NA
MAZZOLA MICHELE Ristorante Blu Water Sorrento NA
MAZZOLA AMELIA La Torre One Fire Massa Lunrense NA
MEROLA MARCO Hackert Caserta CE
MILANESI LORENZO Sampatrignano Rimini RN
MOLITIERNO PINA Gelateria Vanilla Ice Lab Caserta CE
MONGELLI MARTINO Cantina del Drago Sutri VT
MUOLLO GIOACCHINO Cerasè Vico Equense NA
NACCI FRANCESCO Botrus Divinoristorante Ceglie Messapica BR
Nakaminato Shigeru Bunon Tokyo SA
NAPOLITANO ANDREA Il Bikini Vico Equense NA
NISHIKAWA AKIO Sakuragumi Ako TR
NOCERINO VINCENZO Locanda Nonna Rosa Somma Vesuviana NA
OMETO FABIO Villa Trabucco Relais Torre del Greco NA
PAGLIARIN LEONARDO Al Garibaldino Posina VI
PALMIERI SARA Formatrice- Associazione Nonsologlutine Salerno SA
PALOMBO FRANCESCO Sfumature Gourmet Cassino FR
PANSA NICOLA Pasticceria Pansa Amalfi SA
PARASCANDOLO ALBERTO Pasticceria Mille Stelle Vico Equense NA
PARISI CORRADO Mood Ristorante Cagliari CA
PARRELLA STEFANO Osteria La Lanterna Mugnano del cardinale AV
PATTI DANIELE Lo Scudiero Pesaro PU
PAVAN ALESSANDRO Squero Cicchetteria Arcole VR
PEGGI GIOVANNI MARIA Marula Follonica GR
PERNATI MARCO Manuelina Recco GE
PETRILLO ANTONIO La Corte dei Filangieri Candida AV
PETRONE ANTONIO Pensando A Te Baronissi SA
PIACENTE VINCENZO Giò Ponti – Hotel Parco dei Principi Sorrento NA
PICCHIOTTI DARIO Antica trattoria di Sacerno Sacerno BO
POLLIO MARIO Pasta e… Sant’Agata sui Due Golfi NA
PRINCIPE LORENZO Famiglia Principe 1968 Nocera Superiore SA
PUCCI FRANCESCO Taverna la Riggiola Napolo NA
PUTIGNANO ANTONIO La Botte di Ferro Ariccia RM
RICCI STELLA Pasticceria Stella Rotondi AV
ROCCHIO ALESSANDRO Villa del quar Verona VR
RUSSO VINCENZO Baccalaria Napoli NA
RUSSO NICOLA Al Primo Piano Foggia FG
SABATINO MICHELE Macelleria Apricena FG
SEPE FABRIZIO Le tre Zucche Roma RM
SIBILIA EMANUELE Il Piccolo Ducato Cisterna di Latina LT
SICHEL CARLO Il Carato Catania CT
SOMMA SALVATORE il Refettorio del Monastero Santa Rosa Amalfi SA
SORDI CLAUDIO I Carracci – Gran Hotel Majestic Bologna BO
SORRENTINO CAMILLO Osteria Torre Ferano Vico equense NA
SORRENTINO ANTONIO Castello di Leonina Asciano SI
SORRENTINO GIOVANNI Gerani Ristorante Santa Maria la Carità NA
SORRENTINO FRANCESCO Pasticceria La Torre Torre del Greco NA
SORRENTINO LUIGI La casa del ghiro Pimonte NA
SPINA CARLO Ba-bar Napoli NA
SQUILLANTE GIUSEPPE Ghibli on the Beach Sorrento NA
STARACE CARLO Agriturismo La Ginestra Vico Equense NA
TORNESE FRANCESCO Blue Salento Gallipoli LE
TORRENTE PASQUALE Al Convento Cetara SA
TORTORA SALVATORE Pasticceria Leopoldo di Leopoldo Infante Napoli NA
TROIANO PASQUALE Cantina Bentivoglio Bologna BO
UNGARO GIANLUCA Ciacco & Bacco Ristoburger Gragnano NA
VACCARO VINCENZO Cucina 82 restaurant Gragnano NA
VALLINI EMANUELE La Carabaccia Bibbona LI
VANACORE GIOVANNI l’angolo di gran gusto Napoli NA
VENERUSO FRANCESCO Macelleria la fattoria di ciro veneruso Portici NA
VICINANZA DOMENICO Osteria del taglio Salerno Salerno SA
VITALE GENNARO Osteria Al Paese Nocera Inferiore SA
VORRARO GIOACCHINO Braceria Bifulco Ottaviano NA
ZACCARIA GIUSEPPE Dal Pescatore Vietri sul mare SA
ZIVIERI ALDO Macelleria Zivieri Monzuno BO
CENA DI BENEFICENZA   (5 Giugno)
 
BRACALI FRANCESCO Bracali Massa Marittima GR
CEDRONI MORENO Madonnina del Pescatore Senigallia AN
CEREA CHICCO Da Vittorio Brusaporto BG
DI COSTANZO NINO Ristorante Danì Maison Ischia NA
ELEFANTE SALVATORE Ristorante L’Olivo de l’Hotel Capri Palace Isola di Capri NA
GLOWIG OLIVER La tavola, il Vino e la Dispensa Roma RO
KAVCIC TOMAž Pri Lojzetu Dvorec Zemono Slovenia
MANCINO GIUSEPPE Il Piccolo Principe Viareggio LU
MARCATTILII VALENTINO Ristorante San Domenico Bologna BO
PICCINI VALERIA da Caino Montemerano Manciano GR
PISANI ALESSANDRO/ NEGRINI PASQUALE Il luogo di Aimo e Nadia Milano MI
SERVA MAURIZIO e SANDRO La Trota Rivodutri RI
SPOSITO FRANCESCO Taverna Estia Brusciano NA
ESPOSITO GENNARO Torre del Saracino Vico Equense NA
CENA DI BENEFICENZA (AMPI)
CAMPEGGIO ANTONIO Pasticceria Arte Bianca Parabita LE
CAMPLONE FABRIZIO Pasticceria Caprice Pescara PE
CESARANO MICHELE Pepe Mastro Dolciere Pompei NA
DI CLEMENTE DOMENICO Four Seasons Hotel Firenze Firenze FI
DI DONNA CARMINE La Torre del Saracino Vico Equense NA
ELEFANTE SALVATORE L”olivo Capripalace Anacapri NA
GABBIANO SALVATORE Pasticceria Gabbiano Pompei NA
GALLA FABRIZIO Fabrizio Galla San Sebastiano da Po TO
MARCATTILII VALENTINO Ristorante San Domenico Imola Imola BO
SACCHETTI PAOLO Pasticceria Nuovo Mondo Prato PO
SCUTELLA’ ROCCO Pasticceria Scutella&Co sas Delianuova RC
VANNUCCI GABRIELE Contrada – Castelmonastero Castelnuovo Berardenga SI
LA NOTTE DELLE STELLE (6 Giugno)
AFFINITA MARIO Don Geppi Restaurant Sant’Agnello NA
ALLOCCA ROBERTO Relais Blu Massa Lubrense NA
ANNARUMMA ALBERTO Casadelnonno13 Mercato San Severino SA
BARACCHI SILVIA Il Falconiere Cortona AR
BARRALE PAOLO Marennà Sorbo Serpico AV
BAVUSO GIOVANNI Il Riccio Anacapri NA
BIANCO SALVATORE Il Comandante – Hotel Romeo Napoli NA
BOWERMAN CRISTINA Glass Hostaria/Romeo Roma RM
CACCIOPPOLI GRAZIANO Ristorante Maxi Hotel Capo La Gala Vico Equense NA
CANNALIRE ANDREA Cielo – Hotel la Sommità Ostuni BR
COSTA GIUSEPPE Il Bavaglino Terrasini PA
CUOMO LORENZO Re Mauri Salerno SA
D’AGOSTINO GIANLUCA Veritas Napoli NA
DE CESARE ISIDE La Parolina Acquapendente VT
DE SANTIS ROCCO Santa Elisabetta – Hotel Brunelleschi Firenze FI
DE VIVO GIOVANNI Il Mosaico – Hotel Terme Manzi Ischia NA
DI IORIO GIUSEPPE Aroma Roma RM
EPISCOPO DONATO La Corte Follina TV
ESPOSITO VINCENZO Pizzeria Carmnella Napoli NA
FUSARI VITTORIO Al Pont de Ferr Milano MI
GALLO FEDERICO Locanda del Pilone Alba CN
GRAMAGLIA PAOLO Ristorante President Pompei NA
GRASSI MARTA Tantris Novara NO
GRASSO SALVATORE Ristorante Pizzeria Gorizia 1916 Napoli NA
GRONCHI NICOLA Bistrot Forte dei Marmi Forte dei Marmi LU
GUARINO VINCENZO Il Pievano Gaiole in Chianti SI
GUIDA GIUSEPPE Antica Osteria Nonna Rosa Vico Equense NA
IACOBUCCI AGOSTINO I Portici Bologna BO
IANNOTTI GIUSEPPE Kresios Telese Terme BN
IAVARONE DOMENICO Josè – Tenuta Villa Guerra Torre del Greco NA
LA RAGIONE SALVATORE Mamma’ Isola di Capri Capri NA
LO BASSO FELICE Felix Lo Basso Milano MI
LOMBARDO VITANTONIO Locanda Severino Caggiano (Sa) SA
MARZIALE ROSANNA Le Colonne Caserta CE
MONTEFUSCO ANTONINO Terrazza Bosquet – Grand Hotel Excelsior Vittoria Sorrento NA
NASTRI LUIGI Stazione di posta Roma RM
NIGRO DAMIANO Villa d’Amelia Benevello CN
NODA KOTARO Bistrot64 Roma RM
OLIVA CIRO Concettina Ai Tre Santi Napoli NA
PALAMARO PASQUALE Indaco Lacco Ameno NA
PESTICCIO FABIO Ristorante IL Papavero Eboli SA
PICHINI DOMENICO Il Tufo Allegro Pitigliano GR
PROTO ROBERTO Il Saraceno Cavernago BG
RECANATI ERRICO Ristorante Andreina Loreto AN
RICCI ANTONELLA Al Fornello Da Ricci Ceglie Messapica BR
RUSSO GENNARO La Sponda dell’Hotel Le Sirenuse Positano SA
SALOMONE LUIGI Piazzetta Milu’ Castellammare di Stabia NA
SAMMARCO CARLO Carlo Sammarco 2.0 Aversa CA
SCARALLO LINO Palazzo Petrucci Napoli NA
SILIBELLO LILLINO Cibus Ceglie Messapica BR
SOOKAR VINOD Al Fornello Daricci Ceglie Messapica BR
STANZIONE GIUSEPPE Le Trabe Capaccio SA
STILE DOMENICO Enoteca La Torre a Villa Laetitia Roma RM
TESSE FABRIZIO Locanda di Orta Orta san Giulio NO
TORSIELLO CRISTIAN Osteria Arbustico Valva SA
TROIANI ANGELO Il Convivio Troiani Roma RM
USAI DANIELE Il Tino Fiumicino RM
VINCIGUERRA ILARIO Ilario Vinciguerra Restaurant Gallarate VA
DESSERT STORM (6 Giugno)
ACAMPORA RAFFAELE Li Galli c/o Hotel Villa Franca Positano SA
ACQUAVIVA MARIA Mignon Milano MI
ALIBERTI FRANCO La Prèsef Mantello SO
ALLEGRETTA BEPPE Unico Milano Milano MI
BARTOLUCCI GIORGIO Eurossola Domodossola VB
BASSO ALBERTO Ristorante 3Quarti Grancona VI
BOB CHRISTOPH Santa Rosa Conca dei Marini SA
BOER EUGENIO Essenza Milano MI
BONINI SIMONE Carapina Firenze FI
BONZI DANIELE Four Seasons Hotel Milano Milano MI
BREDA FLORENCIA Il Pievano Gaiole in Chianti SI
CAPPARELLI SALVATORE Pasticceria Capparelli Napoli NA
CARDELLI SILVIA L’osteria della Corte La Spezia SP
COMPAGNUCCI MATTEO Brace Copenaghen MC
COPPOLA GIULIO La Galleria Gragnano NA
CUOMO RAFFAELE Gelateria Vico Equense NA
CUOMO PIETRO Hostaria di Bacco Furore SA
D’ALBERTO DANIELE Ristorante Borgo Fonte scura Silvi paese TE
D’AMICO ANGELO Locanda Radici Melizzano BN
DE FILIPPIS MAURIZIO Riso Amaro Fondi LT
DE PALMA MARIANNA Al Cortile Milano MI
DE ROSA ELNAVA Casta Diva Blevio CO
DEL DUCA DAVIDE Osteria Fernanda Roma RM
DEL SORBO MARCO Terrazza Marziale Sorrento NA
DI VUOLO DANILO La Caletta Vico Equense NA
ESPOSITO VINCENZO Li Galli Positano SA
FERRE’ ILARIA Ceresio 7 Milano MI
GIANNUZZI VITO White Polignano a mare BA
INFANTE MARCO Casa Infante Srl – Pasticcerie Leopoldo Srl Napoli NA
LANGELLOTTI MICHELE Grand Hotel Moon Valley Vico Equense NA
LEPRE ROBERTO Convivio Ricevimenti Towers Hotel Castellammare di Stabia NA
MANDOZZI MASSIMILIANO L’Orangerie ,CastaDiva Resort & SPA Blevio CO
MARESCA ANTONINO Antonino Maresca Pastry Chef Meta NA
MARTINELLI MIRKO Oasi Follonica GR
MARTONE VALENTINA Megaron Paternopoli AV
MAZZELLA EMANUELE Villa Porro Pirelli Induno Olona VA
MEROLA MARCO Hackert Caserta CE
NARDONI SIMONE Essenza Pontinia LT
NONIS FABRIZIO Macellaio, esperto gastronomo e volto tv Cinto Caomaggiore VE
NUTI DARIO Imago at the Hassler Roma RM
PANSA ANDREA Pasticceria Pansa Amalfi SA
PANZARDI EMILIO Emilio gelateria Maratea PZ
PAPA EDOARDO In Fucina Roma RM
PARILLO MARCO Casale del Mare Castiglioncello LI
PEQINI MARIO Il Moro Monza MO
PEREZ MARCO Amistà 33 Corrubbio di S. Pietro in Cariano VR
REPOSO GALILEO Peck Milano MI
SAKAI FUMIKO Casa Mele Positano SA
SCOTTI CRESCENZO Il Flauto di Pan- Villa Cimbrone Ravello SA
SEPE MASSIMILIANO Caffè Roscioli Roma RM
SERGEEV NIKITA Ristorante L’Arcade Porto San Giorgio FM
SGANDURRA FRANCESCA Contesto alimentare Torino TO
SIRICA SABATINO Pasticceria Sirica San Giorgio a Cremano NA
TEMPERINI MATTEO Cum Quibus San Gimignano SI
VECCHIONE CARMEN Dolciarte Avellino AV
PROMESSE (6 Giugno- pranzo)
BALDASSARRE ADRIANO Tordomatto Roma RM
CARANNANTE ANGELO Caracol Bacoli NA
CELANO BIANCA Qqucina qui Catania CT
DE MARTINO UMBERTO Florian Maison San Paolo d’Argon BG
DE SIMONE DOMENICO L’Accanto Vico Equense NA
DI VITO MARIO Petra Gourmet Sant’ Elia Fiumerapido FR
D’ONGHIA STEFANO Osteria Botteghe Antiche Putignano BA
ESTEVE RUIZ ALBA Marzapane Roma Roma RM
FELTER MATTEO Ristorante Il Fagiano Gardone Riviera BS
LIONETTI LUIGI Monzu’ Capri NA
RACITI GIUSEPPE Zash Country – Boutique Hotel Riposto CT
ROSSI NINO Qafiz Santa Cristina d’Aspromonte RC
SCARICA FABIANA Villa Chiara – Orto e Cucina Vico Equense NA
VILLANI LUCIANO Aquapetra Resort & Spa Risto La Locanda del Borgo Telese Terme BN