Skip to content

Squarciarelli è la rotonda della goduria gastronomica, quando passate fate attenzione alle Oche Giulive.

20 ottobre 2012

La località Squarciarelli è una frazione del comune di Grottaferrata, ai più nota perché inserita nella famosa canzone di Renato Rascel “Arrivederci Roma”.

Gli automobilisti che percorrono le direttrici Marino – Frascati e Grottaferrata – Rocca di Papa la conoscono molto bene, perché nelle ora di punta diventa un nodo di traffico congestionato.

In questi momenti così stressanti sarebbe opportuno guardarsi intorno, e scoprire le bellezze del luogo, e magari anche quello che Squarciarelli offre in termini gastronomici.

Sulla rotonda troviamo il Mini Caseificio Costanzo con le sue buone mozzarelle di bufala che arrivano tutti i giorni da Lusciano (Caserta), sulla strada che porta a Grottaferrata, ovvero in via delle Sorgenti, ecco il buon pane di Sognatesori, se andate invece verso Frascati eccovi La Taverna Mari, una buona trattoria romana con una bella cantina che gli consente di essere sede dei corsi Master of Wine di Slow Food. Se punterete verso Rocca di Papa, il giovedì troverete il Mercato del Contadino e tutti i giorni le prelibatezze della Familiare.

Andando verso Marino, avrete modo dopo pochi metri sulla vostra destra, di notare un nuovo locale elegantemente arredato nei toni del bianco. Siete arrivati nel regno di Michela Irione, architetto, sommelier ed ora anche ristoratrice.

Le Oche Giulive Bistrò, questo è il nome del locale, è stato creato dove prima c’era una rivendita di stucchi. Il locale è piccolo ma arredato con gusto. Noterete subito i pannelli antirumore al soffitto e le grandi vetrine insonorizzate, che assieme al bianco dell’ambiente rendono il posto molto luminoso. La cucina è a vista e separata da belle vetrate.

Le Oche Giulive è aperto dallo scorso 2 Giugno, ma io ho avuto modo di provarlo solo ieri grazie all’iniziativa della Serata Campana, in cui venivano presentati dall’appassionato Salvatore Martusciello i vini di Grotta del Sole.

Alla modica cifra di 30 €, questo è quello che abbiamo mangiato e bevuto: Pizze fritte in abbinamento con Asprinio d’Aversa doc spumante brut, Sartu di riso e Gragnano della penisola sorrentina 2011, Ziti alla genovese con Piedirosso dei campi Flegrei doc 2011, salsicce e friarielli con Quartodisole Aglianico Igt Campania 2008 e Pastiera con Lacryma Christi del Vesuvio doc spumante dolce.

IMG_2367

Le pietanze erano tutte eseguite con cura e dotate di sapori netti e precisi. Le pizze fritte mi hanno riportato all’infanzia, insieme ai friarielli, finiti immediatamente, che accompagnavano delle ottime salsicce. Per chi non è di origini napoletane, i friarielli sono l’infiorescenza delle cime di rapa dal bel gusto amarognolo, molto usati nella cucina napoletana, sono coltivati nella zona di Afragola.

Passando ai vini, che dire, siamo rimasti incantati dalla passione di Salvatore che tramite il suo IPad si è prodotto in una presentazione degli stessi, ma soprattutto dell’Azienda Grotta del Sole e dei suoi territori, molto partecipata dai fortunati gourmet presenti.

Le foto del vitigno relative all’Asprigno di Aversa mi rimarranno impresse a vita, e mi spingeranno, quando prima ad effettuare una visita al vigneto. Le alberate dell’Asprigno raggiungono i 20 metri di altezza. Le viti, così come avevano stabilito gli Etruschi, si appoggiano sul legno vivo degli alberi di pioppo, e la loro cura viene fatta dai vignaiuoli tramite scale di legno, costruite sulle specifiche fisiche della persona che la userà, e vengono appoggiate sull’alberata. Chiaramente il vino è dotato di notevole acidità, e quindi ben si presta a essere trasformato in spumante, sia con il metodo Martinotti (Charmat), sia con il metodo Classico.

Il vino che mi è piaciuto di più e stato il Quartodisole Aglianico Igt Campania 2008. Aglianico in purezza ha profumi di frutti neri. Alcolico e sapido presenta un tannino ancora rampante. Per gustarlo ad un livello ancora superiore, Io lo lascerei in cantina ancora qualche anno. Ottima l’accoppiata con salsiccia e friarielli.

Bravo Salvatore e la sua famiglia. Brava Michela ad aver creato un locale così poliedrico che è al tempo stesso enoteca (con delle referenze dall’ottimo rapporto qualità prezzo), wine bar (grazie anche al bancone) e ristorante bistrò.

Proveremo ancora le Oche Giulive Bistrò prossimamente, magari con un menù a base di pesce fresco, che sappiamo essere un’altra risorsa del bel locale.

NOTA BENE. Dal 18 Gennaio 2015 il Bistrò non avrà più sede in:

Oche Giulive Bistrò
Via Vittorio Veneto 25
00046 Grottaferrata – RM
Tel. 3458738226 0683791784
http://www.ochegiulivebistro.it

invece sarà all’inizio del corso di Grottaferrata, ovvero:

Oche Giulive Bistrò
Corso del Popolo 1
00046 Grottaferrata
tel 3663058558 0683791784

Grotte del Sole
Via Spinelli, 2
80010 Quarto – NA
Tel. 0818762566
http://www.grottadelsole.it

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: