Skip to content

Il Funghetto. Sapori di mare e dell’Agro Pontino.

15 aprile 2014

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Era da tanto tempo che avevo voglia di spingermi più a fondo nella Pianura Pontina in cerca di nuove esperienze culinarie. Le belle soddisfazioni ottenute frequentando Perbacco di Aprilia e Satricum di Latina m’imponevano di scoprire nuove realtà.

Dopo una breve ricerca, sono stato subito attratto da due nuovi indirizzi: Il Funghetto di Borgo Grappa ed Essenza di Pontinia. La vicinanza e le recensioni molto positive, di una nota guida del settore, mi hanno fatto propendere per la prima soluzione.

Parcheggio l’auto di fronte a una rivendita di barche contigua al ristorante, perché i quattro parcheggi interni sono occupati. Dopo aver attraversato la bella campagna Pontina e la piacevole Strada Zi Maria, noto che qui il luogo è sicuramente meno ameno. Mi consolo subito, entrando nella proprietà del ristorante, con il bel giardino, molto curato, nel quale troneggiano alcune splendide Cycas e dei giochi per bambini.

L’antica costruzione dell’edificio, che risale ai tempi della bonifica, pur nel suo esterno spartano, si presenta con due eleganti stanze, una di esse dotata di camino. La bella giornata m’impone la scelta di un tavolo nel luminoso patio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La gentile signora Michela mi fa accomodare e mi porge i menù. Quello del vino è un volume enciclopedico e contiene centinaia di referenze ed è lodevole per le tante proposte al bicchiere e l’offerta delle mezze bottiglie. Sono altresì interessanti le bottiglie Laziali, quelle delle bollicine Italiane e dei tanti blasonati Champagne Francesi con proposte anche di piccoli Vignaioli. Il tutto è offerto a prezzi molto onesti. Tra le referenze Italiane, noto alcune vecchie bottiglie e scelgo un conveniente Fiano Kratos 2007 di Luigi Maffini.

Il menù è anch’esso molto articolato e pieno di proposte. Essendo la mia prima visita decido di dare fiducia allo Chef Michele Lombardi, semplificando così la mia scelta tra due proposte di degustazione.

La prima, nel prezzo di soli 35€, offre già una proposta sulla carta molto interessante, mentre l’altra propone la possibilità di 13 assaggi alla modica cifra di 50 €. Scelgo la seconda possibilità e s’iniziano le “danze”.

Arrivano al tavolo tre amuse bouche, regalo dello Chef, per rompere l’appetito. Buona la ricotta e molto strong le uova di merluzzo che non avevo mai mangiato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Contenute in un enorme piatto bianco, dopo un difficile “atterraggio” sul tavolo per problemi di dimensioni, ecco arrivare 8 antipasti serviti tutti insieme. Certo manca l’effetto sorpresa tra una portata e l’altra, ma di là dell’enorme dimensione del piatto, la soluzione adottata la trovo molto pratica. Qui la degustazione è varia e segue la riuscita in parte dello specifico antipasto assaggiato. Più che dal pesce, rimango colpito da quasi tutte le verdure usate che sono gustose. Particolarmente riuscite sono la triglia con le fave e la lasagnetta di pesce e verdure. I calamari e le trippette di rana pescatrice si fanno apprezzare, anche se la cottura è andata leggermente oltre. Invece il baccalà è secco e salato e la salsa di tartufo aggiunge nuova sapidità, così come un riscoperto pesce povero, il sughero, è in sostanza nascosto da un radicchio particolarmente amaro.

Credo che lo Chef voglia anche accontentare un avventore locale che cerca gusti forti e quindi lavora in addizione, laddove magari una sottrazione potrebbe apportare maggior equilibrio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La linguina con i gamberi invece mi dimostra una grande competenza nello scegliere la qualità della pasta e nel cuocerla in maniera perfetta. I gamberi in accompagnamento sono altresì buoni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con la coda di rospo si torna ai sapori forti e decisi e il pesce è leggermente indurito dalla cottura che forse si è prolungata.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Trovo buonissima la bavarese con ricotta di bufala, buona la mousse di cioccolato e apprezzabile il gelato all’amaretto.

L’impressione è che Il Funghetto sia un ristorante che cerca di offrire una buona qualità a prezzi invitanti anche tramite una cantina considerevole e con il contributo di un rilassante patio d’estate e una calda stanza con il camino d’inverno. Il target mi sembra orientato verso le famiglie, visti anche il bel giardino e i giochi in esso contenuti, ma credo che Il Funghetto abbia tutte le possibilità, volendo, di attrarre una clientela più esigente.

Basterà uniformare la proposta al livello dei vini, dei primi piatti e dei dolci, giocare molto sulle buone verdure locali e togliere dalle pietanze qualche marcato sapore di troppo.

 

Il Funghetto

Località Borgo Grappa – Latina

Strada Litoranea, 11412

Tel. +39 0773208009

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: