Skip to content

Hostaria Lunghi. Il buono di Aprilia in Terra di Anzio.

24 aprile 2014

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sto percorrendo la strada regionale 207, meglio nota come Nettunense, e il mio sguardo spesso traguarda vecchi siti industriali ormai abbandonati. Certo la strada non è bella, comunque mi rincuora che arriverò ad Anzio, nota località balneare Laziale.

Attraverso la pedonalizzata piazza Pia per recarmi alla festa inaugurativa dell’Hostaria Lunghi, posta qualche metro più avanti.

Entro e subito sono accolto con calore dal giovane proprietario, che subito mi offre un calice di Spumante Brut Metodo Classico di Marco Carpineti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La sala è luminosa, arredata in maniera sobria, offre delle sedute molto comode e dotate inoltre di “comodoso” cuscino.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Certo chi conosce già Il Focarile di Aprilia, il ristorante gestito dai fratelli Lunghi, sicuramente non rimane meravigliato da tanta sobria eleganza.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Vicino all’ingresso, c’è un ampio vetro che mi permette di osservare la spaziosa cucina, nella quale si muovono, con sicurezza, lo Chef Marco Davi e la sua giovane brigata, composta da Omor Faruk, Isidoro Salvadori e Alessandro Balossini, che ho avuto modo di conoscere presso PerBacco di Aprilia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Marco lo vedo contento, adrenalinico al punto giusto e pronto a donarsi completamente in questa nuova avventura, che lo assorbirà completamente per tutto il periodo estivo.

Guardo con Lui la carta dei vini e subito mi avvedo che sono presenti tanti vini Laziali e una bella selezione di vini Internazionali. Mancano i vini delle altre regioni Italiane, che sono stati “sacrificati”, credo opportunamente, per lasciare più spazio a quelli del territorio.

Mi fa piacere la massiccia presenza dei vini di Marco Carpineti e di Matteo Ceracchi (Piana dei Castelli). Nelle vetrinette fanno bella mostra di se i vini Internazionali, tra i quali noto l’ambrato e non filtrato vino Caucasico Rkatsiteli Pheasant’s Tears, lo Chablis Premier Cru Les Furneaux, un altro Chablis di William Fevre, il Rebula (Ribolla Gialla) di Blazic e l’Ossian 2006, solo per citarne alcuni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Iniziano a girare in sala vari stuzzichini che subito ci riconfermano la validità dello staff di cucina. Molto buono e mediterraneo il gambero crudo su letto di cuscus, altresì valido e gustoso lo spiedino di polpo, inarrivabile, per la qualità della carne, la battuta di manzo Gallego, che Marco Davi ha avuto modo di scoprire in Spagna durante le sue passate esperienze.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questa è una carne di un’eleganza e morbidezza unica che andrebbe solo leggermente condita con poco olio EVO, magari di Alfredo Cetrone (così come fa Marco), e un nulla di pepe di Sarawak, meglio se di tipo selvatico. Godimento assicurato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’apice lo tocco degustando la battuta di Sughero. Questo pesce povero, e che nessuno voleva acquistare, è stato ormai riscoperto anche e soprattutto grazie al lavoro fatto da chef preparati, come Marco, che sanno proporlo in un modo così squisito. Certo la riuscita del piatto è aiutata dalla qualità ittica che i Pescatori Anziati, o se preferite Portodanzesi, sanno proporre ogni giorno, aiutati da un mare capace di dare la giusta componente organolettica a tutte le specie che qui vivono. In abbinamento mi è servito uno splendido Pinot Grigio Follia di Matteo Ceracchi, che scorgo in sala. Mi complimento con Lui per la qualità dei suoi vini e inoltre scambio due chiacchiere anche sulle passate degustazioni vissute insieme.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ormai la sala è piena di avventori, amici e clienti. Faccio il giro dei saluti ripromettendomi di tornare per provare il ristorante. Guardando il menù sono rimasto intrigato dai gamberoni rossi, piselli, mela e sfoglie di tonno, dal pacchero in zuppa di mare e dalla tagliata di manzo Gallego. Per i più golosi vedo la possibilità di degustare anche il cannolo Siciliano espresso e, magari dopocena, una fetta di torta accompagnata da un ottimo distillato.

Riattraverso ormai una vuota Piazza Pia e mi convinco sempre più che dovrò tornare per meglio approfondire la proposta firmata Lunghi/Davi, in altre parole il vertice enogastronomico di Aprilia in Terra di Anzio.

N.B. Dal 5 Marzo 2015, l’Hostaria Lunghi è posta in:

Via Porto Innocenziano 15
00042 Anzio – RM, Italy

Tel. + 39 0697846232

Tel. +39 3478817893

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: