Skip to content

Niko Romito e la quarta Stella.

16 maggio 2014

Mancavo da qualche tempo dal ristorante Reale Casadonna di Cristiana e Niko Romito.

Il motivo è dovuto al fatto che questo famoso ristorante ha ottenuto la terza stella da parte della guida Michelin, quindi ho aspettato il tempo giusto e necessario affinché i curiosi, i gourmet, i giornalisti e i blogger attenuassero un poco il traffico in sala.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un altro stimolo ad aspettare il mese di maggio è stata l’attesa della spendida fioritura dei due giganteschi ippocastani posti sul fronte del resort e di quello, di dimensioni più contenute, che si trova sul retro vicino all’ingresso dell’hotel.

Sicuramente c’è tanta strada da percorrere per raggiungere Castel di Sangro, quindi la frequentazione non può essere molto assidua. Comunque quando ci s’inerpica sulla strada statale 158, all’altezza del Ponte Sbieco, nei pressi di Colli a Volturno, la veduta delle belle, luminose e innevate vette delle Mainarde, incastonate al centro della gola, sembrano già ripagarti dello sforzo per il lungo viaggio. Interessante è anche la veduta, sempre dalla statale, del Castello Pandone di Cerro al Volturno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Entro al Reale e sono subito accolto con calore e simpatia da tutto lo staff. La sala è colma di avventori e dopo qualche minuto Niko viene a salutarmi. Lo vedo molto contento e giustamente orgoglioso del traguardo raggiunto. Mi dice che ora il lavoro è aumentato e ci sono tanti nuovi clienti. Alcuni dei quali, arrivano qua, anche da luoghi molto lontani. Lo vedo ancora più motivato a fare meglio e quindi mi preparo a iniziare questo nuovo e “Reale” viaggio nel piacere.

Il Sommelier Gianni Sinesi mi porge la carta dei vini, che trovo più completa, dicendomi che a breve ci saranno ulteriori e interessanti inserimenti di referenze.

Scelgo il Bellavista Vittorio Moretti Extra Brut 2006 e l’ultima bottiglia del bianco Sialis di Franco Terpin 2004. Due grandi vini. Il primo può tenere testa ai più blasonati Champagne, mentre il secondo, che ha quasi dieci anni, ha trovato nella sua maturità un equilibrio ispessito da tanta sostanza da vino vero. Il colore caldo rispecchia la sincerità e la profondità del nettare imbottigliato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Inizio il nuovo viaggio con lo sformato di pistacchio, una vera essenza del seme. Bella partenza. Immancabilmente ecco arrivare in tavola il classico benvenuto Reale, composto dal crostino, ricotta di pecora e pomodoro candito, dalla polpetta di capretto con patate, dalla crocchetta di cicoria e pecorino, dal battuto con arancia candita e dalle chips di rape rosse e paté di fegato di coniglio. Sarà l’effetto della terza stella, ma queste entrate le trovo ancora più buone delle volte precedenti e sono altresì servite alla perfetta temperatura.

Arriva anche la ormai classica crostata di olive. Questa è una vera immersione nell’essenza dell’oliva per il tramite della sua polpa e del suo olio. Questa volta la crostata è piacevolmente ancora più croccante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le noti dolci e affumicate del guanciale vengono subito bilanciate dal fresco gelato di piselli e parmigiano croccante, un piatto, quest’ultimo, che contiene anche la carne del maiale e l’olio, quasi a voler chiudere il trittico, con le pietanze precedenti, tramite la forma perfetta del cerchio.

Vengono serviti il pane di Solina e la focaccia di Saragolla. Non smetterò mai di ringraziare Niko per avermi fatto apprezzare questi pani, degni figli di grani prodotti da un’agricoltura marginale di montagna. Sono profumi e sapori che ti riconciliano con quello che dovrebbe essere quel pane vero e antico e che purtroppo oggi non esiste quasi più.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi perdo nel degustare e annusare i pani ed ecco arrivare la misticanza alcolica, che mi è servita su una base di crema di mandorle. Le verdure sono di una piacevolezza unica che è esaltata dalla leggera macerazione alcolica e dalla dolcezza delle mandorle. Un capolavoro che mi fa viaggiare nei meandri del gusto e mi distrae ulteriormente.

Con il calamaro arrosto su base di calamaro crudo mi perdo navigando su un profondo mare pieno di iodio, dolcezza e leggere note amare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sul carciofo ho già scritto, avendolo assaggiato, davvero in anteprima, tempo fa. Questo di oggi mi sembra comunque eseguito ancora meglio del precedente e trovo molto piacevole l’essenza del vegetale, che grazie alla particolare cottura in più passaggi, riesce a generare un ventaglio di note diverse dalle usuali. Ebbene, bisogna ammetterlo, il miglioramento prosegue senza sosta.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mi sembra di tornare ancora al mare con lo scampo accompagnato dalla sua crema, con i sapidi e succulenti ravioli di baccalà e con gli spaghetti, seppia, estratto di seppia e mare. Tutte pietanze molto indovinate e che certo non ti aspetteresti di mangiare in montagna.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Notevole il sapore e il profumo di mare sprigionato dagli spaghetti. Un sentore di mare che oggi non apprezzi più passeggiando lungo le spiagge e che sento prepotentemente riemergere dai miei ricordi d’infanzia. Chapeau.

Con il vitello e purè di patate faccio finalmente pace con questo contorno, tanto è perfetto nell’esecuzione. La carne è altresì di una morbidezza inarrivabile.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Niko lo sa, mi piace l’agnello ed eccolo arrivare come sempre al tavolo. Anche questa pietanza è stata ulteriormente migliorata nella cottura e nell’affumicatura. Le creme all’aglio e al pompelmo aggiungono successiva complessità e piacevolezza a un piatto che sarà difficile migliorare ancora.

Dolce finale tramite le mandorle, yogurt, nocciola salvia e limone dalle tante note acide al quale, credo, manchi una leggera parte dolciastra.

Certamente la terza stella ha dato nuovi stimoli a Niko aiutandolo a migliorare ulteriormente delle pietanze che sembravano già perfette. Il Reale è inoltre migliorato nella quantità e nella qualità del preparatissimo personale di sala, dove si fa già notare la new entry Davide dotato di grande professionalità. Tanti i cuochi presenti in cucina che aiutano ulteriormente a rendere eccellente un servizio in pratica perfetto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Continua così Niko, continua il tuo perfezionamento delle pietanze che unito alla ricerca dell’essenza della materia prima potranno farti raggiungere ulteriori traguardi.

Peccato che non esista la quarta stella.

 

Reale – Casadonna

C.da Santa Liberata

67031 Castel di Sangro AQ

Tel. +39 086469382

From → Uncategorized

One Comment
  1. Maddalena buono permalink

    Mi piacerebbe tagliare il traguardo di questo locale e sapere mantenere il controllo accorgendomi di tutti i sapori e non essere rapita dallo chef.,,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: