Skip to content

Benvenuto Brunello a casa di Giovanni Milana, Sora Maria e Arcangelo.

23 febbraio 2015

È stata veramente una bella serata, quella appena trascorsa, da Sora Maria e Arcangelo, la pluripremiata Trattoria gestita da Giovanni Milana.

Il Cuoco di Olevano Romano, ancora una volta, ha dato il meglio di se e ha trasformato la presentazione dell’eccellente annata 2010, del Brunello di Montalcino, in una cena-evento indimenticabile, che rimarrà nel cuore e nella mente dei fortunati partecipanti.

I vini che hanno intrigato maggiormente gli avventori sono stati il Pietroso di Cecilia Brandini, Le Potazzine di Gigliola Giannetti e Il Marroneto.

IMG_6171

Gran Brunello di Montalcino quello dell’Azienda Pietroso. Profondo, spesso e sferico. L’annata 2010 ci ha donato un’emozionante e piacevole bevuta. Un vino già pronto.

IMG_6179

Insieme al Brunello di Pietroso, ci è piaciuto anche quello de Le Potazzine. Un vino elegante, profumato e sostenuto da viva acidità. Il 2010 è ora uno splendido ragazzo che diventerà un meraviglioso uomo.

IMG_6150

Il Marroneto‪, deciso, fruttato ed elegante “intruso”, perché non previsto in questo evento, andrà fatto riposare ancora qualche tempo in bottiglia per innalzarne ancor più l’invidiabile qualità.

Nonostante le sale fossero complete, Giovanni è riuscito a elaborare pietanze perfette, in questa particolare occasione della cucina Toscana, servite tutte alla giusta temperatura.

IMG_6154

Insuperabili le polpette di bollito di Chianina. La morbidezza della carne è stata ottenuta sfilacciandola pazientemente a mano. Perfetto il punto di grasso e la succosità dell’interno, conseguiti grazie alla maestria del cuoco che è riuscito a sigillare l’esterno tramite una frittura asciuttissima.

IMG_6161

Eccellenti e succosi i Pici, che tanto mi hanno ricordato le Code de Soreca, un’eccellente pasta fresca locale fatta a mano dalle esperte signore Olevanesi, vera colonna portante e gioia vivente che anima questa rinomata Trattoria. Certamente anche la bontà della farina di Grano Solina, dell’Azienda Poggi, ha contribuito alla riuscita della pietanza. Provate a farci il pane, così come fa lo Chef Niko Romito, e poi fatemi sapere.

IMG_6167

Il Peposo è un piatto molto deciso e tipico della cucina di Impruneta. Si racconta che i Fornacini, a inizio turno di lavoro, erano soliti porre in un angolo della fornace un tegame di terracotta riempito di carne e degli altri ingredienti “affogati” nel vino. A pranzo la pietanza era pronta da mangiare.

Finisco scrivendo che questo non è stato il solito evento, grazie anche all’impegno profuso, prima e durante lo stesso, dal Cuoco, dai ragazzi di sala e dalle signore in cucina. Una grande e affiatata squadra che è riuscita a creare una cena-degustazione allo stato dell’Arte.

Trattoria Sora Maria e Arcangelo

Via Roma 42 Olevano Romano RM

Tel. +39 069562402

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: