Skip to content

Pasquale Minciguerra, le bontà dell’Agro Pontino cucinate con sapienza Napoletana.

1 dicembre 2016

Rimango sempre più affascinato dal Litorale Pontino e dal suo entroterra, non solo per le doti turistiche, ma anche per i risultati che alcuni giovani Chef, che mi piace definire come I Rivoltosi del Gusto, stanno ottenendo, grazie anche a un mare che dona un pescato di notevole qualità organolettica e di una campagna generosa di ortaggi insuperabili per sapore. Se a questo aggiungiamo la grande qualità della cultivar Itrana capace di generare oli che spesso commuovono per la loro forza ed eleganza e, ulteriormente, anche per il loro apporto di piccante e amaro e, lasciatemi aggiungere, anche per le gustose mozzarelle di bufala che qui acquisiscono, spesso, il gusto pulito del loro latte.

Da circa un anno avevo voglia di capire le capacità di Pasquale Minciguerra ma l’accavallarsi di impegni non mi ha mai permesso di recarmi al suo ristorante.

Qualche settimana fa c’è stata comunque l’occasione del primo contatto presso Sapore Pontino 1.0, un evento che ha permesso a Lui e ad alcuni altri Rivoltosi del Gusto del Litorale Laziale, di ritrovarsi presso i locali del Il Focarile, al fine di presentarsi a un pubblico molto vasto.

Devo ammettere, che in quest’occasione, la pietanza preparata da Pasquale mi ha subito conquistato per la pulizia, la razionalità della sua preparazione e per la cura del particolare, nonostante il tipo di pesce sia stato cambiato all’ultimo momento.

Nativo di Napoli, Pasquale ha iniziato, in tenera età, a lavorare presso alcune pizzerie della sua città, facendo in seguito anche l’esperienza di Cuoco in altri locali.

L’amore verso la sua Compagna, l’ha portato ben cinque fa a Latina, dove ha trovato immediatamente lavoro presso il ristorante Cristal dell’Hotel Europa.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Eccomi quindi oggi, con alcuni cari Amici, varcare la soglia del Cristal, che è ubicato al sesto piano dell’Hotel. Lo sguardo rimane subito affascinato dal panorama che è possibile vedere da questo roof garden. Da una parte, proprio dal tavolo che ci è stato assegnato, si apprezza la bellezza dei Monti Lepini, dall’altra lo sguardo spazia sulla città e traguarda anche la vicina e razionale Piazza del Popolo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La sala invece si presta a essere usata per più scopi, magari a pranzo come luogo ideale per pranzi di lavoro, proprio per la sua esclusività e riservatezza e la sera, grazie anche al più romantico panorama notturno, per cene galanti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Prendo subito atto della bella mano dello chef tramite il primo antipasto che è una tartare di Alalunga con pomodoro alla puttanesca, salsa di pinoli e uva passa. Si sente il DNA Napoletano per com’è stato trattato il pesce e per la gioia del sapore del pomodoro, mentre mi sento proiettato sul suolo Siciliano per l’apporto al piatto conferito dall’uva passa e i pinoli. Mi piace dondolarmi per un po’ tra questi sapori Campani e Siciliani.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le alici marinate, carciofo e maionese al Martini mi convincono ulteriormente della valenza della Chef. Il mare contribuisce alla riuscita del piatto con delle Alici dal gran sapore e freschezza, il carciofo ha la perfetta consistenza in masticazione e una leggerissima nota di aceto mentre la maionese, un poco abbondante, amalgama il piatto. Veramente un perfetto inizio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con le mazzancolle scottate, purè di broccolo Siciliano, ricotta e marmellata di agrumi ritorno sull’altalena del gusto fra la Campania e la Sicilia. Ottima la materia prima e l’abbinamento delle componenti con la marmellata che altresì elargisce dolcezza e acidità che svegliano il piatto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sandwich di cefalo e provola con pomodoro infornato e sorbetto al datterino. Un cefalo che sa solo di mare è qui altresì rinfrescato dal pomodoro e dal sorbetto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La pasta mista corta del Pastificio Gentile è ormai di gran moda in questa parte d’Italia e l’interpretazione di Pasquale la lega alle patate, alle quali ha aggiunto i calamaretti spillo, le cozze e la provola. Un concentrato di mare e di terra che è elegante al palato, con i sapori delle parti ben riconoscibili. Unico neo è la cottura della pasta che è andata un pochino oltre e che, con molta probabilità, ha continuato a cuocere nel piatto che giustamente è arrivato bollente a tavola.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Serra, cotto alla griglia con crema di patate e tartufo, uovo di quaglia e funghi cardoncelli croccanti, si fa apprezzare per la qualità del pesce e la sua perfetta cottura. L’uovo di quaglia e i funghi apportano il gusto della terra, mentre il tipo di tartufo usato tende a coprire un poco il tutto. Piatto da perfezionare ulteriormente, magari, con tre o quattro fettine di pregiato tartufo bianco fresco e non di più.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La valenza del Sud torna in tavola con un sorbetto bello, buono e rinfrescante. Qui sono stati usati i mandarini insieme a una granita al Campari.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La parte di DNA con origini Arabe antiche dello Chef si rivelano ulteriormente grazie anche al gelato all’olio di Alfredo Cetrone con croccante alle mandarla e visciole. Un gelato che oltre ad essere un riconoscimento a una civiltà che arrivò nel nostro Sud portando con sé la capacità di fare dolci di gran livello, va inoltre a considerare uno dei migliori produttori di olio della Provincia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il godimento tocca i livelli del sano erotismo gastronomico e visivo con la sfera ghiacciata al cioccolato bianco e lampone. Un dessert buono e tanto. Penso sarà molto consumato dalle coppie di amanti che frequenteranno di sera il ristorante.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Complimenti a Pasquale Minciguerra che è stato capace di coniugare la sapienza e la tecnica gastronomica Napoletana esaltandola con prodotti di un territorio mai avaro.

Benvenuto tra i Rivoltosi del Gusto. Un plauso anche al Management del ristorante e, in particolar modo, alla direttrice Rita Carbone che mi ha trasferito la sua voglia di far diventare questa struttura parte delle eccellenze della Regione e non solo. A tal uopo andrà rivista la carta dei vini che in questo momento presenta giustamente in lista un bel numero di referenze Laziali, che andrebbero altresì integrate con alcune chicche della zona. Poche ma presenti le bollicine Italiane e alcuni Champagne Francesi, mentre i bianchi e i rossi d’Italia sono da rivedere. Tutto questo sarà necessario al fine di portare la proposta enologica al pari di quella gastronomica.

Mi preparo ad accomiatarmi da questo bel posto dando un nuovo sguardo al panorama. Sembra che questo Territorio voglia unirsi nel doveroso applauso allo staff che ci ha ospitato e servito con competenza e passione.

Cristal Ristorante

c/o Hotel Europa

Via E. Filiberto 14 Latina LT

Tel. +39 0773407199

 

 

 

 

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: