Skip to content

I Sette Consoli. L’equilibrio e l’eleganza della vera Cucina Tradizionale Italiana.

3 gennaio 2017

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Era da qualche tempo che alcuni fidati amici, di gran palato, auspicavano una mia visita al Sette Consoli di Orvieto.

Il ristorante, gestito da ormai ben 24 anni da Mauro Stopponi, sua moglie Anna Rita Simoncini e più recentemente anche dalle figlie Chiara e Serena, è posto nella bella cittadina Umbra, proprio all’angolo della piccola piazza Sant’Angelo, uno dei punti che danno respiro al centralissimo Corso Cavour.

L’ingresso, contrassegnato da una scritta elegante e non appariscente, è proprio a destra dei gradini della Chiesa. Lo varco come un qualsiasi sconosciuto, ancora un poco stordito dal lungo cenone di Capodanno della notte precedente, che ha avuto luogo a pochi chilometri da Orvieto, e sono subito accolto da Mauro e da una delle figlie, con gentilezza e calore.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La sala dove prendo posto è già colma di avventori. Non ho molta fame ma uno sguardo al menu risveglia il mio appetito e, insieme alla persona che mi accompagna, decidiamo di prendere piatti diversi in modo da assaggiare più cose.

Alcuni vini sono ordinabili anche alla mescita. Alcuni sono molto importanti come, per esempio, il Barbaresco DOCG 2011 di Gaja che aveva attirato la mia attenzione nella mostra all’entrata del locale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Vedo in lista il Brunello di Montalcino 2010 de Le Potazzine e lo ordino, sicuro che si abbinerà perfettamente alle pietanze scelte. Il vino di Gigliola Giannetti e Giuseppe Gorelli è un vino elegante, profumato di frutti di bosco e spezie, coerente al palato, dove è sostenuto da viva acidità. Non è più il “ragazzo” degustato, alla sua prima uscita, quasi due anni fa. Ora è più elegante ed è un vino ancora in crescita, grazie alla sua intrinseca freschezza.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo una piccola entrata, gentilmente offerta nell’attesa del primo piatto, passo finalmente ad affrontare con decisione le pappardelle al sugo di germano cacciato e profumo di arancia. Dopo solo due bocconi inizio a voler un bene dell’anima ad Anna Rita. Il germano è perfetto in cottura, sapore, taglio, consistenza del ragù e l’eventuale nota “selvaggia” è stata giustamente domata dall’agrume che incita altresì il successivo assaggio. La pasta è una soffice nuvola che supporta egregiamente tanto vero sapore, per nulla sapido. Questo è un esercizio di eleganza assoluta. Lo vorrei finire ma ho necessità di provare il piatto di chi divide il tavolo con me, quindi sono costretto a frenarmi e così conquisto i tagliolini con carciofi, pomodorini appassiti e trota.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un primo piatto che forse avrei dovuto mangiare prima, in ordine di sequenza, ma che, a ogni morso, mi conquista sempre di più con le note ferrose e amare del carciofo.  La solanacea appassita crea equilibrio, tramite la sua fresca e dolce eleganza, e inoltre aiuta la buona carne del pesce ad emergere, confermando l’equilibrio e la freschezza del piatto.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La pernice rossa cacciata, verze fondenti e prugne secche, conquista per la pelle arrostita con arte e resa croccante al punto giusto. La carne del volatile selvaggio è stata cotta alla perfezione, avendo anche avuto cura di lasciare il petto più crudo rispetto alla coscia. La verdura e la frutta sono il giusto accompagnamento per rendere un piatto già così elegante anche opportunamente equilibrato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con il filetto di cervo, in crosta di frutta secca, servito su un letto di cipolle rosse caramellate, tocco l’apice di questo pranzo. Sono sbigottito da tanta padronanza della materia prima. La carne è stata opportunamente cotta pochissimo, lasciandone così inalterati gli umori, i sapori e la morbidezza. Il mix di frutta secca sembra essere stato scelto in ogni singolo elemento, la verdura in accompagnamento è perfetta e dalla giusta consistenza e la cipolla attribuisce il “colpo di grazia” finale. Oggi sto assistendo a una sapiente dimostrazione di come esaltare al massimo una pietanza, gestendo con amore, precisione e mano leggera ogni sua singola parte. Chapeau.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Finisco in “dolcezza” il pranzo con una creme brûlée con arance amare candite, accompagnata da un sorbetto di arance. Qui un ruolo importante lo giocano gli agrumi sia nella parte candita ma soprattutto nel dolce freddo al cucchiaio. Quest’ultimo dona la giusta dose di amaro e acidità per finire, giustamente, un pranzo così soddisfacente.

Durante la visita ho avuto modo di apprezzare la gentilezza delle due giovani Donne che gestiscono la sala con estremo garbo, i pulitissimi servizi igienici dotati di spazzolini e dentifrici usa e getta e, unico esempio da me conosciuto fin ora, di un distributore di salviette umidificate per igienizzare la tavoletta del bagno. Sono dettagli che confermano la pulizia e la precisione con cui sono fatti i cibi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Uscendo non riesco a trattenermi e chiedo di estendere i miei complimenti ad Anna Rita che prontamente è chiamata e mi è presentata. Quando leggerà questo scritto non sarò più anonimo, quindi la prossima volta cercherò di farmi raccontare, dalla validissima Cuciniera, come ha fatto a creare, Lei ex Casalinga, un’esaltazione dei sapori così elegante e moderna, rispettando ogni singola parte, creando così un equilibrio in leggerezza, tramite una cucina di sottrazione che non ammette forzature di sapidità, neanche nell’ottimo pane fatto in casa che accompagna le pietanze senza mai coprirle.

Esco da questo luogo sperando che l’esempio di Anna Rita sia sempre più seguito da chi vuole fare Cucina Tradizionale dal gusto moderno. Questo tipo di Cucina, unita a quella Gourmet di alta gamma, può rappresentare il nostro Paese nel Mondo e attrarre in Italia un turismo qualificato e di alto livello.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tornerò presto a I Sette Consoli per godere in lungo e in largo di questa sapiente e rispettosa Cucina, così come della squisita ospitalità, vissuta oggi addirittura durante un pranzo del 1° giorno dell’anno, per altro in concomitanza con l’evento Umbria Jazz Winter. Più in là, con i primi caldi, proverò anche il piacevole giardino.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ristorante I Sette Consoli

Piazza Sant’Angelo 1A

Orvieto TR

Tel. +39 0763343911

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: