Skip to content

L’Olio EVO di qualità, risorsa strategica del nostro Paese.

6 febbraio 2017

Oggi, ho il piacere di partecipare, presso Oleonauta di Ostia di Simona Cognoli, a un interessante workshop denominato “L’olivicoltura e il mondo dell’olio extravergine del terzo millennio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pietro Barachini, proprietario dei Vivai SPO di Pescia PI, che in 12 ettari produce 250.000 piante di olivo l’anno, avvalendosi di 50 cultivar e di un programma di tracciabilità digitale e tre livelli di certificazione, sta presentando la sua interessante analisi a un pubblico di appassionati e professionisti del settore.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

(Foglie di pianta centenaria d’olivo. Torre Fornello di Enrico Sgorbati)

Certo non consola il riscontro che vede il nostro Paese come il primo importatore al mondo di Olio EVO anche se in produzione ed esportazione ci sistemiamo sulla piazza d’onore. Ci inorgoglisce la conferma che viviamo in un luogo con il più alto grado di biodiversità, circondati da 5600 specie vegetali delle quali ben 538, afferma Baracchini, sono di olivo. Ci rammarica che questo tesoro molteplice e diverso non sia “usato” per creare olio di qualità da piante autoctone che non avrebbe concorrenti nel mondo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Di là delle possibili contraffazioni nel mondo e dal riscontro che a livello di consumo pro-capite siamo superati dai cugini Greci e Spagnoli, quello che più affligge è che la cultura dell’EVO, nel consumatore medio Italiano, di fatto non esiste. Il settore conta circa 4900 frantoi che lavorano in buona sostanza solo 80 varietà. Le DOP sono 14 e le IGP si fermano a tre.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Fermo restando i numeri della filiera, che per vari motivi, scontano una decrescita dei terreni produttivi che si assesta tra il 30 e il 40%, per dare redditività al comparto bisognerà altresì rendere più moderni i controlli sulla contraffazione con un metodo, che come suggerisce Pietro, non sia più seriale ma centrico sul prodotto da certificare. Questo moderno controllo potrebbe aiutare a costruire un rinnovato brand dell’EVO Italiano che, insieme a una strategia globale di sistema, ne rilanci la produzione di qualità nel mondo e soprattutto nel mercato interno, dove la scelta del consumatore medio ancora si basa sul prezzo e quasi mai sul gusto e la salute. Certamente bisognerà riportare a produzione quante più cultivar possibili e riflettere molto se andare o no verso lo sviluppo d’impianti intensivi; i quali sarebbero sottoposti a una feroce concorrenza estera, dove esistono territori meno accidentati dei nostri e mano d’opera a basso costo. Bisognerà innovare molto nella tecnologia di trasformazione e nella tracciabilità del prodotto, recuperando al contempo profittabilità, bellezza e sicurezza del territorio e tecniche che siano più rispettose dei suoli; anche perché se vorremmo produrre qualità “non bisognerà guardare solo la pianta ma soprattutto il terreno.” “Cit. Giorgio Pace”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

(Il “carrello” degli oli. Ristorante Essenza Pontinia – Chef Simone Nardoni)

I nostri produttori dovranno sempre più essere aiutati a produrre un Olio che sia sempre più di qualità. Le nostre cultivar se potessero lo griderebbero agli enti preposti. Esse sono un’eccellente opportunità per vincere la sfida sul mercato mondiale, permettendo di collocarci al vertice della qualità. Facendo ciò proteggeremo il prezzo e con esso la biodiversità dei suoli, andando così in controtendenza verso strategie che premiano cultivar intensive, la resa, il basso prezzo; ambiti questi dove saremmo dei sicuri perdenti. Un dato che deve far ulteriormente riflettere è che le nostre cultivar hanno un alto numero di polifenoli: tanto per fare un esempio, il Moraiolo, la Coratina e il Frantonio ne hanno da 800 a 1200 totali (%).

Certamente all’interno di una strategia globale, che dovrà vedere tutti gli attori attivi e aggressivi sull’innalzamento della qualità e, con essa, l’etica gestione di adeguati fondi affinché ciò abbia luogo, andrà gestita anche una crescita professionale ed efficace del livello di comunicazione.

In questo scenario, il WEB potrà essere un assetto, ammesso che il nostro Paese sia in grado di superare il digital divide che da sempre ci affligge. In tal senso, un’adeguata e robusta piattaforma Online sicuramente potrà essere utile ma andranno altresì aiutate le aperture di negozi specializzati. All’interno di questi ultimi andrà pianificato e aiutato il training del personale, rendendolo così capace di fare promozione a livello capillare con conseguente evangelizzazione del mercato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

(In foto: pane tiepido ai multi cereali  e crema gelato all’olio di oliva. Ristorante Metamorfosi Roma – Chef Roy Caceres)

Una crescita imponente andrà anche costruita istruendo i migliori Giornalisti, Chef e Sommelier a comunicare l’olio “buono” e con esso a migliorare un asset della loro attività e del nostro Paese. Saremo in grado di darci una strategia e di perseguirla? Saremo, noi Italiani, in grado finalmente di fare un gioco di squadra?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Io credo di sì e la speranza me la danno, tutti i giorni, un numero sempre più consistente di produttori di qualità, un noto settimanale del settore, una Donna coraggiosa che ha aperto la prima Oleoteca di Roma e alcuni Amici che, instancabilmente e senza quasi mai prendersi pause, promuovono l’olio EVO di qualità; qualcuno di loro, forse è leggenda, anche a bordo di un ormai famoso bus Romano. Non lasciamoli soli!

Credits:

L’olivicoltura e il mondo dell’olio extravergine nel terzo millennio.

Pietro Barachini

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: